Cavalieri di Malta OS: conviviale di saluto al piccolo Mateo che ritorna in Moldavia

In occasione della partenza per il ritorno a casa del piccolo Mateo e della mamma, la Commenda di Catania del Gran Priorato di Sicilia O.S.J., ha voluto organizzare una cena di ringraziamento e di saluto. 

foto di gruppo con il piccolo Mateo ed i cavalieri

Dopo un’intensa attività diplomatica tra l’Ordine dei Cavalieri di Malta OSJ, rappresentato dal Gran Maestro S. A. R. il Principe don Thorbjorn Paternò Castello di Carcaci, con l’ausilio del Luogotenente Il Marchese Don Thomas Molendini di Santa Magdalena, l’ambasciata italiana ed il governo Moldavo, il piccolo Mateo Istrate, con un volo consolare arrivato a Roma nell’aeroporto di Stato a Ciampino, finalmente è riuscito a fare ingresso in Italia e ad essere trasferito con un volo di linea dall’aeroporto Fiumicino di Roma a Catania, dove è stato accolto dal Gran Priore di Sicilia   dr.ssa Natalina Romania, dal Gran Cancelliere Cav. Renato Pollari, dal Cav. dr. Santo Cordovana e da tutti i Cavalieri del Gran Priorato di Sicilia OSJ.  Effettuati i controlli di rito, il piccolo Mateo, accompagnato dalla madre Svetlana Istrate, veniva ricoverato e sottoposto al secondo intervento, effettuato dal prof. Sebastiano Cacciaguerra, direttore della chirurgia pediatrica presso il presidio Garibaldi Nesima di Catania, avvenuto con grande successo.

L’intervento era stato programmato per il mese di marzo ma spostato a causa dell’emergenza pandemia COVID 19, che ha visto chiusi tutti i varchi in Italia: il piccolo Mateo ha ricevuto  sostegno da tutto il Gran Priorato mobilitato nello spirito di fratellanza, generosità e di sostegno ospitaliero secondo la regola di appartenenza, ad offrire assistenza logistica ed economica, oltre al supporto sanitario, per la grave malformazione congenita neonatale, garantendo quanto necessario per la perfetta riuscita e la cura in seguito al secondo intervento,

Un ringraziamento speciale va al dott. Salvatore Vadalà ed alla dott.ssa Crispina Virzì, assistenti esterni e anelli di congiunzione tra l’Ordine e la struttura di reparto che, malgrado lo stato di allerta Covid-19, sono riusciti a garantire alla mamma ed al bambino cure ed assistenza d’eccellenza e alla dr.ssa Silvana Lentini e all’imprenditore Alessandro Giovannello, che lo hanno ospitato dopo l’intervento presso il “loft Rapisardi” di Catania.

In occasione della partenza per il ritorno a casa del piccolo Mateo e della mamma, la Commenda di Catania del Gran Priorato di Sicilia O.S.J., ha voluto organizzare una cena di ringraziamento e di saluto. Alla conviviale, tenutasi nel rispetto dei protocolli ministeriali presso un ristorante catanese, hanno partecipato non solo i Cavalieri e le Dame che hanno sostenuto con amore e cuore le fasi di ospedalizzazione e post-operatorie, oltre al sostegno morale e personale alla mamma e al bambino, quale figlio adottivo del nostro Ordine, ma anche coloro che hanno offerto un contributo di natura istituzionale, tra i quali l’avv. Andrea Barresi, consigliere comunale in rappresentanza del Sindaco di Catania, la dr.ssa Valentina Cocco dell’Università di Catania e il dr. Salvo Vadalà.

Durante la cena, tra gli interventi di saluto del Capo Commenda prof. Giovanni Alongi e del Gran Priore di Sicilia dr.ssa Natalina Romania, la mamma del piccolo Mateo, con un caldo messaggio amorevole dai toni emozionali, ha voluto ringraziare l’intero Ordine e quanti si sono presi cura di suo figlio: “I figli sono dono di Dio e Mateo, adottato simbolicamente come figlio del Gran Priorato di Sicilia dei Cavalieri di Malta O.S.J. è stato curato – ha affermato la mamma di Mateo – e trattato con amore”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *