Catania, Reggina e Potenza due promemoria per il ritorno

I rossazzurri dopo due gare possono sentirsi soddisfatti per quanto raccolto, anche se rimane qualche ombra sul pareggio di ieri

60596277_393042577960379_1332862011331051520_n

Da quando Andrea Sottil è tornato sulla panchina del Catania, cioè dal termine della regular season, i rossazzurri sono riusciti a far vedere buone cose nei 180 minuti giocati. Prima la convincente vittoria contro la Reggina, convincente non solo per il risultato (4-1) ma anche per la prestazione fatta vedere in campo, poi il pareggio in campo del Potenza che, però, lascia un po’ di amaro in bocca per come è arrivato visto che i rossazzurri hanno avuto la possibilità di chiudere la partita con una vittoria. Poco male però, perché col pareggio maturato ieri nella gara di ritorno di mercoledì sera allo stadio “Angelo Massimino” i rossazzurri avranno un piccolo vantaggio, oltre a quello di poter ovviamente fare affidamento sulla spinta del proprio pubblico.

Rientra tra le buone notizie anche lo stato di forma di Di Piazza e Sarno. Arrivati entrambi a gennaio, voluti fortemente anche dallo stesso Sottil, i due specialisti in promozioni hanno avuto qualche difficoltà, fisica più che tecnica, a dare il proprio contributo a pieno regime alla squadra. Da quando sono iniziati i playoff sembra essers accesa una miccia in entrambi. L’attaccante ex Lecce ha segnato due reti in altrettante gare, riuscendo a dare il momentaneo 2 a 1 al Catania nella sfida con la Reggina e sbloccando il match a Potenza. Per Sarno, invece, un solo gol ma a parte l’estrema bellezza della rete realizzata contro la Reggina, tante invenzioni e giocate importanti che quest’anno al Catania erano decisamente mancate.

Se fosse necessario invece dover trovare qualcosa da rivedere meglio, probabilmente sarebbero i cali di attenzioni che hanno segnato tutta la stagione del Catania e che, per quanto attenuati, continuano a persistere anche in questa seconda parte. Il gol subito dal Potenza è l’ennesimo che arriva proprio a pochi attimi dal fischio finale e che non fa altro che regalare rimpianti per quello che poteva essere e invece non è stato.

In vista della gara di ritorno, allora, dovrà essere bravo Mister Sottil non solo a disporre bene in campo da un punto di vista tattico i suoi ragazzi (ma difficile pensare a rivoluzioni, visti comunque i feedback positivi ricevuti) ma anche e soprattutto tenere alta la concentrazione visto che il Potenza si è dimostrato anche nella giornata di ieri una squadra capace di diventare insidiosa per ogni avversario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *