Catania e l’11 maggio: due facce della stessa medaglia

Una data da ricordare per i rossazzurri, sia in positivo che in negativo grazie a due momenti “storici”, per fortuna o purtroppo, nel recente passato etneo

IMG_8086

Catania e l’11 maggio una storia di successi e di sconfitte. La data odierna infatti è da cerchiare in rosso per i colori rossazzurri visto che ha segnato due importanti momenti della storia recente del club etneo. Due momenti diametralmente opposti tra loro che hanno influito in positivo e in negativo nelle vicende e nel blasone della squadra.

L’11 maggio 2013 il Catania di Rolando Maran supera il Pescara grazie a un goal del ‘Papu’ Gomez al 51esimo minuto regalando i tre punti ai siciliani. Una vittoria che profuma di storia visto che i rossazzurri superano il proprio record di punti in serie A arrivando a quota 55 punti e scavalcando in quella giornata squadre del calibro dell’Inter navigando tra le posizioni più alte della classifica. Un Catania da sogno che faceva emozionare i suoi tifosi e stupiva appassionati e addetti ai lavori di tutto il paese grazie ad un progetto innovativo e vincente e delle ottime intuizioni in chiave di mercato che aveva portato Lo Monaco e i suoi a costruire un vero e proprio gioiellino encomiabile e ammirabile.

Il destino vuole che solo un anno dopo succede l’impensabile: l’11 maggio – del 2014 però – quel Catania che aveva stupito tutti in A e aveva fatto più volte cadere le big del campionato tra le mura amiche del ‘Massimino’ “crolla” letteralmente in serie cadetta. I rossazzurri quel giorno vincono per 1-2 (grazie alle reti di Monzon e Bergessio) al ‘Dall’Ara’ contro il Bologna che, dal canto suo, proprio con quella sconfitta viene anch’esso risucchiato in serie B. Una pagina tristissima della storia del Catania che sarà solo il primo tassello dell’inferno che ha portato i rossazzurri a vivere poi un’altra retrocessione in Lega Pro e diverse penalizzazioni.

Difficile che capitino intrecci così particolari tra una squadra ed una data, specie quando si parla di avvenimenti di natura completamente opposta nel giro di 12 mesi. Al Catania successe e ciò che è certo e che i tifosi siciliani l’11 maggio non potranno, nel bene e nel male, certamente scordarlo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *