Catania – Cavese 1-1. Missione incompiuta: uovo con due rossi

ll Catania ...che si non vuole! Da attento e convincente a stanco, nervoso e svogliato in campo. E la squadra pugliese poteva ottenere un risultato più soddisfacente della parità all'”Angelino Nobile” di Lentini. Immancabili i siparietti con tre cartellini rossi: ad un dirigente della Cavese nel primo tempo, a Welbeck e Tonucci nella ripresa. E domenica prossima a casa della Viterbese in condizioni critiche. 129712935_3660147020719661_66866217028974542_n

L’allenatore Gianluca Cristaldi, alla guida del Catania, squalificato ancora mister Raffaele, porta in campo 22 giocatori contro la Cavese, per la sfida allo stadio “Angelino Nobile” di Lentini (indisponibile ancora per poco il Massimino) e valevole per la quattordicesima giornata del girone C del campionato Serie C 2020/21. Infermeria accorciata per il rientro nel gruppo di Izco, Piccolo e Tonucci e agli indisponibili si aggiunge Reginaldo per risentimenti muscolari.  Fuori ancora Giacomo Rosaia e  Dall'Oglio per malanni e Maldonado squalificato. In campo la terna arbitrale formata dal signor Federico Fontani, della sezione A.I.A. di Siena, assistenti Davide Meocci (Siena) e Fabrizio Aniello Ricciardi (Ancona). Quarto ufficiale il signor Giuseppe Mucera (Palermo).

Campo reso pesante dalla pioggia caduta prima della partita, con grosse lacune di verde. Pomeriggio fresco. Nel finale luci accese.

Primo Tempo Cristaldi sceglie l'assetto classico della squadra vittoriosa mercoledì con la novità del rientro di Tonucci e Piovanello sin dall'inizio, mantenendo l'asse del  3-5-2. La Cavese di Maiuri, subentrato da poco tempo, risponde con un convincente 4-3-3, e per velocità e per posizionamento nellla zona nevralgica di centrocampo. E da ultima in classifica non ci sembra sfigurare. Il campo pesante infatti non sembra favorire la squadra di casa apparsa stanca e incapace di lottare con il solito generoso Welbeck. Un primo tempo però ad appannaggio catanese. Inizio falloso con le squadre che cercano le azioni sulle ripartenze. Dopo un tiro di Calapai al 9', la partita scorre lenta su diversi cambiamenti di fronte. al 14' timido affaccio del Catania in area ospite con Pecorino che non approfitta di un contrasto tra il portiere Bisogno (autentico punto debole della Cavese) e De Franco, che resta a terra dolorante. Bene sembra il posizionamento dell'asse difensivo con Tonucci che scambia il ruolo con Silvestri per contrastare uno scatenato Russotto b4ba61f1-4195-47b0-b98a-15f1d5249938(indimenticato ex di turno). Al 18' ammonito Silvestri per vistoso fallo su Germinale. La stessa punta ospite si fa apprezzare al 20' per un tiro su palla persa da Welbeck ad opera di Russotto, che non da punti di riferimento alla compagine catanese. E' proprio quì la nota dolente: Welbeck lavora tantissimi palloni nell'asse di centrocampo, ma nè Biondi (troppo avulso dal gioco) nè Piovanello sembrano fare da corteo al gioco nella costruzione dell'azione e che chiaramente si perde per  l'attenta difesa ospite. Al 31' giallo per il n.31 ospite, Esposito. Ma subito dopo Claiton si accascia dolorante e deve lasciare il campo. Entra Zanchi che si posiziona alla sx., con Tonucci a dx. e Silvestri centrale. Al 33' giallo per Germinale; il fallo su Pinto (notevole l'impegno del giocatore di casa), per colpo al volto e punizione che porta al 34' il Catania in gol.  Sulla palla in area Pecorino colpisce centralmente di testa verso la porta. Bisogno sfortunatamente si lascia sfuggire il pallone che rotola in rete. 1 a 0 per il Catania. 6a136d35-48ea-464e-b7f1-e7dfd751519bSuccessivamente espulsione di un tecnico dello staff ospite per proteste. Cavese fallosa che porta Tazza ad atterrare una ripartenza di Pinto al 36' e al 43' l'ammonizione di Cuccurullo. Piovanello scende sulla dx. ma egoisticamente l'ex Padova preferisce tirare verso Bisogno che smorza la traiettoria del pallone. Poteva fare meglio. Sono 4  i minuti decretati dall'arbitro per il recupero con tiro al 48' di Pompetti parato da Contente. Catania 1 - Cavese 0    130307246_3660006287400401_8851964997134977047_n

Secondo Tempo 

La ripresa vede l'uscita di Sarao (discreta ma poco incisiva la presenza dell'attaccante) per Emmausso. Ma è la Cavese che si presenta in campo in modo più intraprendente mettendo pressione al centrocampo catanese, facendo innervosire i rossazzurri. Ci lascia le penne Pinto, che al 54' viene ammonito. Nell'azione successiva bene Welbeck che taglia in area per Pecorino che non ci arriva di testa, subendo un dubbio atterramento. Niente di fatto per l'arbitro Fontani. Al 57' la Cavese pareggia. Un bel lancio dalla difesa lancia in profondità Senesi sulla sx. marcato da Tonucci. Il laterale ospite si beve il terzino rossazzuro crossando per il libero Russotto che a volo tira verso la porta di Confente, segnando. 1-1 e palla al centro. Si ci aspetta una reazione giustificata della squadra di casa ma succede di tutto e del contrario di tutto. Al 62' Welbeck chiuso in sandwich e si sbraccia per liberarsi, ma l'arbitro vede l'azione fallosa del rossazzurro: gomito largo che gli costa il giallo. Il Catania indietreggia e piano piano si spegne. Nessun tiro pericoloso verso la porta difesa da un incerto Bisogno.  Nessuna ripartenza degna di nome e la Cavese ne approfitta sulle ali del pareggio. Azioni di gioco dalle diverse fortune, meglio per la Cavese che va al tiro con Esposito, parato al 63' e al 65' con pericolosa azione e parata da Confente su Senesi. Al 66' buona punizione dalla distanza tirata da Emmausso (prestazione incolore) e parata con qualche difficoltà. Il portiere ospite si ripete un minuto dopo su tiro di Calapai. Cambi al 68': entra Matera per Cuccurullo nella Cavese e Albertini per Pinto (abbastanza stanco per la notevole mole di gioco) nel Catania. Nel mezzo del tempo azioni su due fronti con altro tiro di Calapai, fuori, e di Russotto, parato. Al 75' per la Cavese Esposito lascia il posto a Favasuli. Qualche spunto sterile per il Catania ma all'84' grossa tegola per il Catania. Welbeck, lasciato solo nell'asse di centrocampo, perde un pallone commettendo fallo. Doppio giallo e rosso obbligato. Catania in 10. Entra Noce per un Piovanello che solo nell'ultima parte della partita ha dato qualche segno di vita calcistica. Un Catania davvero nervoso che non approfitta neanche di un calcio d'angolo favorevole e nella concitazione d'area ottiene solo l'espulsione per rosso diretto di un nervosissimo Tonucci (rientro infelice di un buon giocatore vittima già di tanti infortuni). Buio pesto. Catania in 9 negli ultimi minuti finali, considerando anche i quattro concessi per il recupero. Maiuri, l'allenatore della cenerentola Cavese, tenta il tutto per tutto per vincere la partita. Entra De Rosa e Vivacqua per Russotto ed Esposito. Cavese più in corsa, a trazione anteriore, ma che porta solo ad tiro di Vivacqua stoppato da Silvestri. Il Catania resiste: Game over.

Risultato finale Catania – Cavese 1 - 1

130187040_3660147130719650_48246928348200266_nCommento di fine gara: Finisce in pareggio l'incontro e al triplice fischio respiro della compagine rossazzurra per una partita "senza capo ne coda" come suggeriva il collega La Rosa nei commenti di cronaca per fine partita. Sconfortato Mr. Raffaele che aveva visto dalla tribuna la partita. Saranno troppo ravvicinate le partite di questo campionato, ma vale per tutte le compagini in classifica. Peccato per non aver continuato la scia positiva che vede sempre il Catania al 6° posto dopo il Foggia. Se stanchezza ed infortuni rientrano tra le incognite del campionato non si capisce il nervosismo di alcuni giocatori e certe involuzioni di gioco a distanza di pochissimo tempo. Piovanello fuori dal contesto di gioco, Biondi con alti e bassi (meglio nel finale), Tonucci fuori controllo mentale che si beccherà almeno due giornate di squalifica per il rosso diretto (ma perchè? ...eppure è un giocatore importante nelle economie dell'asse di difesa). Il Catania andrà a Viterbo in assoluta emergenza, considerando che la presenza in panchina di Izco, Piccolo ancora non è stata testata. Da rivedere Emmausso e Pecorino e chiedersi cosa succede a Sarao e a Biondi. Bisogna rivedere qualcosa ...non le stelle!!!    

Nel pomeriggio di martedì la preparazione a Torre del Grifo in vista del match prossimo con la Viterbese, in calendario a Viterbo domenica 13 dicembre alle 15.00.

Questi gli atleti che sono stati a disposizione allo stadio di Lentini: PORTIERI: 32 Alessandro Confente – 12 Salvatore Della Valle – 1 Antonio Santurro DIFENSORI: 16 Alessandro Albertini – 26 Luca Calapai  – 3 Claiton Dos Santos Machado – 2 Mario Noce – 33 Antonio Panebianco  – 20 Giovanni Pinto – 5 Tommaso Silvestri – 18 Denis Tonucci - 29 Andrea Zanchi CENTROCAMPISTI: 21 Kevin Biondi  – 13 Mariano Julio Izco -  6 Nana Addo Welbeck-Maseko ATTACCANTI: 28 Michele Emmausso – 19 Kalifa Manneh – 31 Emanuele Pecorino 14 Antonio Piccolo – 17 Enrico Piovanello - 9 Manuel Sarao – 11 Agapios Vrikkis
 

Immagini collegate:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *