Candelora d’oro, premiata Rossella Fiamingo

La campionessa mondiale di spada premiata ieri dal sindaco di Catania Enzo Bianco, in occasione della festa di apertura in onore di S. Agata

La candelora d’oro quest’anno è andata a un’eccezionale cittadina catanese, stella di prima grandezza dello sport: la campionessa mondiale di spada Rossella Fiamingo, terza donna a ricevere l’ambito riconoscimento.

La cerimonia di consegna, con la quale si fa coincidere l’entrata nel vivo dei festeggiamenti in onore di S. Agata, a nostro modo di vedere, giustamente va a un soggetto giovane poiché la festa della patrona di Catania si caratterizza, tra l’altro, per l’intensa appassionata partecipazione di giovani: una devozione inestinguibile che si rinnova sempre da secoli.rossella-fiamingo_980x571

Rossella Fiamingo è campionessa del mondo, vicecampionessa europea e campionessa italiana. Oro individuale ai mondiali di Kazan 2014 e di Mosca 2015 è la terza spadista al mondo, prima italiana, ad aggiudicarsi due titoli mondiali consecutivi.

Grazie alla vittoria di Mosca si è classificata prima nel ranking internazionale aggiudicandosi la Coppa del mondo 2015 nella spada individuale, dopo ben 25 anni dall’ultima unica volta che un’atleta italiana era riuscita nell’impresa. Agli europei di Montreux 2015 ha conquistato l’argento individuale e il bronzo a squadre; bronzo a squadre anche agli europei di Strasburgo 2014.rossella-fiamingo11_MGTHUMB-BIG

A Mersin nel 2013 ha vinto la medaglia d’oro ai Giochi del Mediterraneo, nello stesso anno ha vinto il titolo di campionessa italiana a Trieste, titolo poi bissato a Torino nel 2015. Ha partecipato nel 2012 ai giochi olimpici di Londra, più giovane atleta convocata nella squadra di scherma azzurra, raggiungendo i quarti di finale e classificandosi 7ª nella gara individuale. Stesso piazzamento, 7º posto, anche nella gara a squadre. Ai mondiali di Catania 2011 ha vinto il bronzo a squadre. Un palmares straordinario di cui Catania va giustamente orgogliosa.SQba_6_b


© Riproduzione riservata
Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *