Calciomercato: Inter, Icardi in dubbio?

La storia d’amore tra l’argentino ed il club nerazzurro sembrerebbe essere in rotta di collisione in quest’ultimo periodo

200319571-9090e904-c6a5-4364-bee9-16fc1e15f3bc

Le voci di un possibile addio del nove argentino al termine della stagione corrente cominciano a farsi sempre più alte. Icardi potrebbe davvero lasciare il nerazzurro dopo sei anni di permanenza. Sul rinnovo di contratto c’è ancora molta distanza fra i vertici del biscione e Maurito, ma ciò che mette principalmente in allarme i tifosi dell’Inter sono le parole della moglie del calciatore, Wanda Nara, la quale si occupa in prima persona di curare gli interessi del marito fuori dal terreno di gioco: “4 i club che si sono esposti direttamente con me per aggiudicarsi le prestazioni sportive di Icardi”. E secondo le ultime indiscrezioni di mercato in queste ultime ore dovrebbe trattarsi di Barcellona, Real Madrid, PSG  e Chelsea.

icardi_1128558supereva

A complicare maggiormente questa situazione, poi, si sono posti due fattori. Il primo, già citato precedentemente, è quello del rinnovo contrattuale. Il calciatore infatti, visto l’interesse di altri club prestigiosi, vorrebbe lo stipendio quasi raddoppiato fra ingaggio e bonus rispetto a quello attuale. Operazione che l’Inter non vorrebbe concretizzare.

In più, la multa di centomila euro causata da un ritardo in allenamento, avrebbe fatto infuriare lo scontento attaccante argentino.

Vedremo come la società milanese nella figura del nuovo amministratore delegato Giuseppe Marotta deciderà di “mettere una pezza” a questa circostanza non molto felice per l’intero ambiente.

Nel caso in cui non si dovesse trovare un accordo sul rinnovo contrattuale diventerebbe solamente una formalità l’addio di Maurito a fine stagione (giugno 2019).

L’addio del capitano comporterebbe la ricerca di un nuovo centravanti che possa ricoprire al meglio il ruolo lasciato scoperto e, chissà se già adesso la società nerazzurra sia alla ricerca di un nuovo numero nove per la stagione sportiva 2019/2020.

Seguiranno aggiornamenti in merito a questa vicenda.

Foto: fonti web 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *