Calcio Catania, primi tre punti per il Lucarelli 2.0

Gli etnei in rimonta, grazie alle reti di Mazzarani e Di Piazza nella ripresa, superano al Massimino una buona Sicula Leonzio

3

Un Catania brutto nel corso dei primi quarantacinque minuti, un Catania più compatto e solido nella ripresa. Contro la Sicula Leonzio arrivano tre punti fondamentali per iniziare a scalare la classifica.

PRIMO TEMPO
Match che per i rosso-azzurri si mette subito in salita. Alla Sicula Leonzio bastano meno di dieci minuti per sbloccare il risultato e portarsi in vantaggio, grazie ad una rete di Palermo che in tap-in batte Furlan e porta avati i propri compagni di squadra. I padroni di casa non restano a guardare e la reazione sembra esserci meno di un minuto dopo con Curiale che, sfortunatamente, non riesce a trovare la giusta coordinazione nell’area di rigore bianconera. Primi quindici minuti che, nonostante il risultato ci mostrano in campo due squadre lente, macchinose e attente a non commettere errori grossolani. Non accade nulla nel corso del primo tempo. La Sicula Leonzio prova a sfruttare gli errori del centrocampo etneo ma senza trovar fortuna, mentre il Catania sbaglia troppo negli ultimi sedici metri e le ripartenze sistematicamente vengono annullate dalla difesa della Leonzio.

SECONDO TEMPO
Nella ripresa Lucarelli opta per usufruire della prima sostituzione e mette in campo il giovane Biondi al posto di Calapai. Il Catania si affaccia con maggiore frequenza nella meta’ campo avversaria, ma sotto porta nessuno riesce ad insaccare la sfera e Curiale, sostituito al quarto d’ora della ripresa da Lele Catania, si divora clamorosamente il gol del pareggio di testa. Entrano in campo anche Di Molfetta e Mazzarani per dare maggiore lucidita’ ad un reparto offensivo spento e, infatti, al numero 32 basta meno di un minuto dall’ingresso sul terreno per pareggiare la partita e rimettere la gara del Massimino sui giusti binari. Un Catania che cambia copione e  al ventisettesimo minuto del secondo tempo trova il gol del 2-1 con Di Piazza che usufruisce di un retropassaggio errato da parte della difesa ospite e con il piatto destro appoggia sul secondo palo battendo l’estremo difensore Polverino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *