Calcio Catania, il gigante si sta risvegliando

La squadra di mister Andrea Sottil chiude bene il 2018 superando, in casa, il Monopoli grazie alle reti di Lodi e Angiulli

49079344_2006113176091694_5445616359180337152_o

Il Catania vince ma ha ancora tanto da sistemare e con questa terza vittoria consecutiva, arrivata quest’oggi in casa ai danni del Monopoli, adesso bisogna colmare quelle lacune che non permettono alla squadra etnea di potersi ritrovare in classifica con qualche punto in più.

Un 2-0 che fa ben sperare, paragonando quest’ultima prestazione alle ultime due gare vinte rispettivamente contro Cavese e Rieti e con questi  nove punti in tre gare che permettono di mantenere una distanza di sole nove lunghezze dalla capolista Juve Stabia (in attesa del recupero a gennaio inoltrato del match contro la Viterbese Castrense).

La difesa funziona ed anche piuttosto bene. Catania continua, infatti, a non subire reti già da ben tre partite e, in più, non potendo considerare la marcatura subita a Bisceglie come un errore di reparto, bisogna tornare ai 5 gol presi nel duo Potenza-Catanzaro per ritrovare gli ultimi gol subiti su azione. Dunque, il reparto arretrato ha una propria compattezza che riesce a sventare bene le incursioni avversarie. Anche l’estremo difensore Pisseri sembra esser tornato quello di inizio stagione. Contro i pugliesi, oggi, è stato anche determinante in alcune occasioni da parte della compagine ospite.

Il centrocampo, invece, è il reparto che attualmente si potrebbe individuare con il detto “lavori in corso”. Manca un equilibrio che possa consegnare idee alla manovra offensiva. Rosso-azzurri che peccano negli ultimi quindici/venti metri a causa della mancanza di gioco nel crearsi spazi. Il trio Rizzo-Lodi-Biagianti non funziona. Va bene uno senza i due, ma tutti insieme sul terreno di gioco non presentano le caratteristiche necessarie per trasformare i due laterali in mediana in possibili “attaccanti aggiunti”. Prova ne è stato l’innesto di Angiulli, capace di dare vivacità al centro e, con quest’ultimo che si è inserito bene trovando all’ottantasettesimo il gol del K.O.

Restando in tema centrocampo, grande prestazione da parte del numero 10 Lodi, il quale è tornato a proprio agio in posizione più arretrata e con un centrocampo a tre. Il ruolo da trequartista, infatti, non gli consentiva di poter esprimere al meglio tutto il potenziale. La visione di gioco è più fluida con il 4-3-3 e le occasioni per trovare gli spazi si moltiplicano grazie ad un gioco che va a svilupparsi in profondità. Da sottolineare il gol su punizione, primo in questo campionato e secondo in stagione.

Attacco da rivedere. Chissà se con questi venti giorni di pausa la società si muoverà per acquistare un nuovo “9” da affiancare a Marotta e Curiale. L’ex Siena è fra i migliori di questa prima parte di campionato. Si sacrifica per la squadra, corre, rientra, cerca l’uno contro uno e segna reti pesantissime. Anche se talvolta la lucidità sotto porta è venuta a mancare, in alcune occasioni anche gravemente. Servirebbero due ali. Una destra ed una sinistra, capaci di creare al meglio l’azione davanti l’uomo e, in grado di trovare la sterzata per il rientro in area di rigore avversaria “quando richiesto dalla situazione di gioco”.

Vedremo, perciò, come si muoverà la dirigenza etnea sul fronte mercato.

Catania che tornerà in campo nella ventunesima giornata di campionato (seconda del girone di ritorno) contro il Siracusa, fuori casa, il prossimo 20 gennaio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *