Calcio Catania, 5 gol sotto l’albero

Cavese battuta 5-0 grazie ad un doppio Manneh, Lodi dal dischetto, Calapai ed una rete da cineteca di un ritrovato Alessandro Marotta 

48420345_1996339070402438_3145212152952913920_o

La risposta mentale c’è stata, anche migliore del previsto. Il Catania si getta a valanga su una Cavese non molto attrezzata per questa insidiosa trasferta al Massimino. Una marcatura nella prima frazione di gioco, e poker calato nella ripresa. I rosso-azzurri sembrano essere tornati quelli del pre-Potenza.

Gara che inizia subito con i primi squilli da parte del reparto offensivo etneo, il quale mantiene la superiorità attraverso il possesso palla, ma che fatica come nelle scorse giornate negli ultimi quindici/venti metri. Sui piedi di Curiale e Marotta le azioni più ghiotte della prima mezz’ora. Nessuno dei due, però, riesce ad insaccare alle spalle dell’estremo difensore Vono. Il match viene violato al trentasettesimo minuto grazie ad un inserimento di Curiale che serve Manneh davanti il portiere avversario. Il gambiano non si lascia ipnotizzare dal numero 1 della Cavese e porta in vantaggio i propri compagni di squadra. Primi quarantacinque minuti che si chiudono con il parziale di 1-0. 

Nel secondo tempo il Catania fa suo il match a trecentosessanta gradi. La Cavese non riesce a trovare gli spazi per andare in porta e, in più, l’inserimento di Bucolo al posto di un anonimo Angiulli consente ai rosso-azzurri di amministrare con maggiore spessore il possesso palla all’altezza della linea mediana. Seconda rete che arriva al settantunesimo minuto dopo un’azione rocambolesca in area della Cavese che porta anche all’espulsione di Vono, il quale atterra a porta completamente sguarnita Aya su calcio d’angolo. Il portiere di riserva De Brasi subentra dalla panchina ma viene completamente spiazzato da Francesco Lodi che insacca all’incrocio dei pali il gol del 2-0. Dopo il raddoppio comincia il Catania show. Passa un minuto e Marotta segna al volo la marcatura del 3-0. Gol da vedere e rivedere. All’ottantaquattresimo è Manneh a firmare la propria doppietta personale, siglando in fondo al sacco il pallone dopo una magistrale finta di tiro nell’area di rigore. La Cavese è psicologicamente fuori dal campo ed a tre minuti dalla fine è Calapai ad inventarsi un super gol da destra sul primo palo.

Ottima prestazione con un secondo tempo quasi perfetto da parte di tutta la compagine etnea. Tre punti che permettono di restare sulla scia della capolista Juve Stabia, quando siamo arrivati a pochi giorni dall’ultimo match del girone di andata. Rosso-azzurri che adesso torneranno in campo per la diciannovesima ed ultima giornata di questa prima fase di stagione, giorno 27 dicembre alle ore 14:30 sul campo del Rieti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *