Calcio, al ‘Massimino’ il Milan cade contro il Betis Siviglia

In un match che ha visto come grande protagonista il caldo e soprattutto la Var i rossoneri escono sconfitti nonostante la presenza di tantissimi tifosi

IMG_0148

Nella vigilia di San Lorenzo sbarcano le stelle del nuovo Milan di Montella a Catania. La compagine rossonero ha infatti disputato, a circa 10 giorni dal via alle danze del campionato, il test amichevole contro il Betis Siviglia allo stadio ‘Angelo Massimino’ accolti da circa 17 mila tifosi arrivati da tutta la Sicilia. Un occasione per vedere in campo alcuni dei nuovi acquisti come Calhanoglu, Silva e soprattutto Bonucci, osannato per tutte le fasi del match dal pubblico. Un match che però non si è chiuso bene per Montella ed i suoi: alla fine a spuntarla infatti è stata la compagine spagnola.

Una gara che ha messo in evidenza il ruolo da assoluta protagonista della Var. Attraverso la tecnologia infatti il direttore di gara ha annullato prima un goal ai rossoneri e assegnato poi il calcio di rigore che ha portato gli spagnoli sul 2-1, dopo due azioni controverse. I rossoneri non hanno disputato una gara memorabile, figlia di un’intesa che inevitabilmente si deve ancora costruire anche se, per certi versi, si sono dimostrati più pericolosi dei biancoverdi vicino all’area di rigore avversaria.

Vantaggio proprio della formazione di Siviglia, pareggio realizzato dal portoghese Andrè Silva bravo a rimanere freddo dagli 11 metri, nuovo sorpasso spagnolo sempre da calcio di rigore. Una gara che ha, per forza di cose, risentito anche del clima caldissimo che in una fase così delicata da un punto di vista della condizione non può non essere un fattore per entrambe le squadre. Montella però avrà avuto modo di trarre anche segnali incoraggianti dal match: Suso e Locatelli sono sembrati già pronti, Calhanoglu e Bonucci devono ancora riuscire a integrarsi bene con i nuovi compagni ma hanno dimostrato di avere tutte le carte in regola per diventare i leader di questa squadra, Silva – nonostante i rossoneri siano ancora alla ricerca di una punta – si è rivelato un buon terminale offensivo. Inoltre il Milan non ha schierato altre pedine importanti come Conti, Donnarumma e l’infortunato Biglia (con Kessiè che invece è partito dalla panchina) quindi bisognerà ancora attendere per l’evoluzione finale di questa squadra.

Montella e Catania poi è una storia d’amore ben nota a tutti. Accolto dai tifosi con grande entusiasmo, il tecnico ha inizio gara ha avuto modo di incontrare il direttore Lo Monaco mentre al termine del match ha poi ricevuto un riconoscimento dal sindaco di Catania Bianco. Una festa, aldilà delle polemiche, all’insegna del calcio, in attesa di rivedere al ‘Massimino’ il Catania il prossimo 13 agosto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *