Bullismo e cyberbullismo, rompiamo il muro del silenzio

Presentato oggi a Catania ai Benedettini “Non Cadere nella Rete”, il progetto per contrastare il cyberbullismo

Non Cadere nella Rete (3)

3 Istituti scolastici, tantissimi studenti, insegnanti e genitori, ma soprattutto un progetto che nelle sue sfaccettature e nelle sue forme vuole diventare un modello educativo e didattico da promuovere all’interno delle scuole per contrastare il fenomeno del bullismo e del cyberbullismo.

Questo lo scenario su cui oggi 28 maggio, nell’auditorium dell’ex Monastero dei Benedettini di Catania, sono stati presentati alcuni prodotti del progetto Non Cadere dalla Rete – realizzato dalla cooperativa sociale TEAM – Ti Educa A Migliorare nelle scuole e promosso dal Comune di Catania con i fondi della legge 285/95 – che ha appassionato e coinvolto centinaia di giovani catanesi, aprendo una lente d’ingrandimento su un fenomeno, il cyberbullismo, caratterizzato da numeri in crescita, distorsione nell’utilizzo della tecnologia e co-responsabilità della Comunità.

Non Cadere nella Rete (1)

Un invito e un mandato preciso, quello di Giuseppe Lombardo Assessore ai Servizi Sociali e Politiche per la Famiglia Giuseppe Lombardo, che ha aperto la mattinata: «Il Comune di Catania ha scommesso su questo progetto pensando a una sua continuità. È importante – aggiunge – comprendere la matrice profonda di questa iniziativa, abbattere i muri dell’indifferenza, del silenzio e della reticenza e che costituiscono la base su cui nasce e si diffonde il cyberbullismo».Non Cadere nella Rete (2)

Il progetto Non Cadere nella Rete, realizzato negli Istituti Comprensivi Petrarca e Cavour e nel Liceo Statale Socio Psico-Pedagogico G. Lombardo Radice di Catania, ha visto operare un’equipe multidisciplinare, che con laboratori esperienziali e focus tematici ha permesso a genitori, studenti e corpo docente di confrontarsi e approfondire il fenomeno fino a descriverlo in un video. Gli studenti sono diventati attori e sceneggiatori di cortometraggi che hanno raccontato la loro visione del cyberbullismo e le risposte per contrastarlo con un carico emotivo che sovente faceva confondere finzione e realtà.


© Riproduzione riservata
Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *