Il batterio con il “DNA potenziato” continua a crescere

Nasce nel 2014, il primo batterio con il DNA potenziato ed era stato studiato come un nuovo microrganismo, mai visto in natura, con una capacità di crescita incredibile.

download

Ecco che, il batterio con il DNA potenziato ha imparato a crescere; si è attestato che si tratta del primo bacillo a cui sono state aggiunte, oltre alle quattro lettere iniziali, altre due: la X e la Y.

Queste nuove lettere extra non esistono in natura!

Un gruppo di ricercatori, dell’Istituto californiano Scripps, due anni fa, avevano dato la vita a questo microrganismo, incapace di difendersi dalle insidie del mondo.  Oggi, invece, come è stato riportato sull’Ansa, i ricercatori dello Scripps, che adesso sono seguiti da Floyd E. Romesberg, hanno spiegato che: “Dai tempi dell’antenato ancestrale dal quale sono nate tutte le forma di vita sulla Terra, l’informazione biologica è stata immagazzinata sempre nelle stesse quattro lettere. Si riferiscono ai quattro elementi fondamentali con i quali è scritto il libro della vita, chiamati adenina, citosina, guanina e timina, indicate dalle lettere A, C, G e T. Grazie a tecniche di chimica, ingegneria genetica e immunologia, scrivono i ricercatori, “abbiamo creato un organismo semi-sintetico” che, “contrariamente a qualsiasi altro organismo naturale, include componenti inanimati che sono opera dell’uomo”. Quindi, il batterio adesso riesce a tutelarsi dalle aggressioni esterne.

Per i ricercatori questo è un punto di partenza per creare nuove forme di vita che non esistono in natura.

Ci domandiamo: avendo modificato il genoma, e con due lettere in più, che forme di vita potrebbero nascere e con quali caratteristiche?

È giusto manipolare la vita? O sarebbe meglio lasciare fare a madre natura?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *