AMERICA 50th Anniversary Tour. Golden Hits a Taormina

Celebrato l’anniversario d’oro del duo americano nella splendida cornice del Teatro Antico di Taormina. Gerry Beckley e Dewey Bunnel hanno offerto al numeroso pubblico della città del Monte Tauro i loro classici internazionali. DSC_0601 (Copia)         Un ritorno ben annunciato quello degli America in Terra di Sicilia. 

Gerry Beckley e Dewey Bunnel sono tornati in Sicilia, cavalcando le orme dei loro Golden Hits più famosi. Un grande successo quello al Teatro Antico di Taormina per il gruppo musicale anglo-statunitense caratterizzato da un rock leggero e vicino al sound della West Coast, molto popolari agli inizi degli anni settanta e degli anni ottanta.  In un caldo 11 luglio gli America in Tour hanno celebrato i 50 anni di carriera, nella data organizzata da Show Biz.

DSC_0621 (Copia)E’ stata un’occasione unica – e per me è la terza volta – quella di vedere dal vivo nella magica atmosfera taorminese la band che ha fatto la storia di un genere, sancendo usi e costumi di una generazione ed influenzando inevitabilmente le altre a seguire come il duo ha ricordato durante il concerto.

Un mix di folk e rock inconfondibile, capace di accendere l’entusiasmo di coloro che hanno “vissuto” gli America in quegli anni e in chi li scopre ogni volta che si avvicina al loro repertorio “west coast”, unico per quantità e qualità, che sconfina in tanti generi musicali“.

Il concerto.
Gli America, targati Los angeles, si sono esibiti in un concept-tour elettro-acustico davvero notevole. Sono felici di essere nella bellissima Taormina, specie per la serata calda e ventilata. Qualche giorno prima, martedì 9 luglio, avevano dovuto annullare il concerto previsto presso l’Arena Beniamino Gigli di Porto Recanati (MC) a causa del maltempo, con conseguenti lievi danni, che non pregiudicavano l’esibizione siciliana.

DSC_0542 (Copia)Phon e ventilatori e controllo chitarre bagnate dalla pioggia insistente di Porto Recanati, di qualche giorno prima (concerto annullato).66378332_10216624575181575_5529665888455753728_n

I suoni degli anni ’70/80 cominciano a riechieggiare al Teatro Antico di Taormina. Una formaziione presentata dalle grandi venature rock frammiste al suone very coast delle chitarre elettriche (Gretsch) e acustiche (Taylor) di Beckley e Bunnell (che si alterna al piano elettrico).
Sul palco un poderoso Rich Campbell (Natalie Cole in the 80’s, 3 Dog Night and Dave Mason in the 90’s) basso e voce californiana.
A completare la line-up il 38enne Ryland David-Burton Steen (Maroon 5) – alla batteria, voce e percussioni, Steve Fekete – chitarre e tastiera (Gwen Stefani, Avril Lavigne, Vertical Horizon, Five for Fighting, Don Felder,...).

Si inizia con un trio musicale eccezzionale da applausi “Tin man”, “You can do magic”, “Don’t cross the river”. Il sogno musicale della platea si concretizza ripercorrendo le note di I Need You e poi Ventura Highway (dal loro secondo album del ritorno a casa, Homecoming), per la felicità di tutti i presenti. tra i brani presentati una poderosa versione rock di Only in Your Heart, per intenditori sopraffini.

DSC_0633 (Copia)Beatles, George Martin, Beach Boys, Byrds, Traffic, Rolling Stones, CSN&Y sono le influenze che hanno caratterizzato la crescita dei due leader degli America e che ricordano sul palco nella presentazione personalizzata di due importanti cover: Eleanor Rigby, dei Beatles, ricordando proprio George Martin con loro nel quarto album, e nel finale una corale versione rock di California Dreamin’ dei Mama’s and Papa’s. 

DSC_0585 (Copia)Il finale ci prepara all’ascolto di Lonely People, Sandman per chiudere con l’affascinante Sister Golden Hair.
Applausi e bis per l’immancabile A Horse With No Name. IMG_8345
Il concerto termina in gloria con un pubblico abbastanza soddisfatto per aver trascorso una parte della vita nel ricordo musicale di un epoca non mai dimenticata.
Gerry Beckley e Dewey Bunnell raggiungono soddisfatti il Timeo che li accoglie per l’ospitalità in Terra di Sicilia.

Solo “Ventura highway” ha uno degli intro più campionati nella storia della musica più recente…

Band History

Da sempre, gli America sono Gerry Beckley e Dewey Bunnell, compagni di liceo nella Londra di fine anni ’60, capaci di scrivere alcune delle pagine più armoniose del rock e di trovarsi, cinquant’anni dopo, a fare musica insieme, girando il mondo ed entusiasmando il pubblico con il loro suono senza tempo.
Del gruppo iniziale faceva parte anche Dan Peek, convertito al cristianesimo con un suo cammino spirituale. Peek lasciò il gruppo dopo l’incisione di Harbor nel 1977. E’ morto nel sonno nella sua casa in Missouri, nel luglio del 2011, all’età di sessant’anni.

DSC_0627 (Copia)Si racconta che i tre futuri America si incontrarono a Londra a metà degli anni sessanta, dove studiavano alla London Central High School di Bushey e militavano in due diverse band della scuola stessa.

In seguito, i tre decisero di formare un complesso rock dal nome America. Le prime esibizioni del terzetto si svolgono in svariati pub dell’area londinese, con una sortita prestigiosa alla celeberrima Roundhouse, dove i Pink Floyd avevano tenuto i loro primi concerti. Il loro secondo album, chiamato appunto Homecoming, vide il gruppo fare ritorno negli Stati Uniti per le registrazioni. La canzone più famosa era Ventura Highway.

Il quarto album del gruppo, Holiday, fu realizzato con George Martin, che era stato in precedenza produttore per i Beatles e che lavorerà col trio anglo-statunitense fino al 1979.

DSC_0619 (Copia)

“A horse with no name”, “Ventura highway”, “I need you”, “Tin man”, “Don’t cross the river”, “You can do magic”, “Lonely People” e “Sister Golden Hair” sono alcuni dei loro più grandi successi riconoscibili al primo accordo, che, oggi come allora, invadono le playlist radiofoniche di tutto il mondo.

DSC_0593 (Copia)Vincitori di Grammy Awards (nel 1972 come “Migliore Nuovo Artista”!) e di innumerevoli dischi d’oro e di platino, gli America debuttano con “A horse with no name” alla fine del 1971, che arriva al primo posto in USA e in mezzo mondo. Segue “I need you”, un altro grande successo.
Ventura highway” è il primo singolo realizzato con la collaborazione di Neil Young, numero uno nel dicembre 1972. Da lì una serie di dischi memorabili e di tour mondiali.

DSC_0635 (Copia)Scaletta 2019

Tin Man
You Can Do Magic
Don’t Cross the River
Daisy Jane
Riverside
I Need You
Three Roses

Ventura Highway
Driving
Eleanor Rigby
Cornwall Blank / Hollywood
Survival
The Border
Greenhouse
Woman Tonight

Only in Your Heart
California Dreamin’
Lonely People
Sandman
Sister Golden Hair

(Bis) A Horse With No Name

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *