All’Etnamusa Festival l’incanto della danza e l’omaggio a Pier Paolo Pasolini

All’Etnamusa Festival uno spettacolo di danza classica che ha emozionato con la sua magia tutti i presenti, grazie allo “Studiodanza” di Valeria Benvenuto, che sabato 22 giugno ha proposto il saggio di danza “Suite” dal “Ballo Excelsior” su musica di Romualdo Marenco.

IMG-4783-1-01

All’Etnamusa Festival uno spettacolo di danza classica che ha emozionato con la sua magia tutti i presenti, grazie allo “Studiodanza” di Valeria Benvenuto, che sabato 22 giugno ha proposto il saggio di danza “Suite” dal “Ballo Excelsior” su musica di Romualdo Marenco. La coreografia di repertorio, curata da Valeria Benvenuto e Chiara Cannizzaro, ha visto le allieve danzare davanti un ospite d’onore: il vulcano Etna.

Domenica 23 giugno è stato proposto il laboratorio di lettura animata “Ti regalo una storia”, a cura di Ti regalo una storia che con “Le storie particolari” ha raccontato ai bambini presenti storie fuori circuito, come “Il gigante piscione”, “La cosa più importante”, “La leggenda di Colapesce”, “Storie di Giufà”,mescolando fantasia, leggende e lingue del Mediterraneo. A seguire la presentazione del romanzo storico di Delia Nicotra Costa dal titolo “Tra storia e sentimento”a cura della Proloco di Bronte.

Il pomeriggio è stato invece dedicato a Pier Paolo Pasolinie al ricordo del docente dell’Università di Catania, Sebastiano Gesù, critico cinematografico e storico del cinema italiano prematuramente scomparso nel luglio del 2018.

Grazie all’Associazione SiciliAntica, e ai critici del cinema Elena Russo e Sebastiano Pennisi,  è stato presentato il libro “Pier Paolo Pasolini e l’Etna. Il deserto e il grido” in cui Gesù ha ripercorso il rapporto di Pasolini con l’Etna, vista come luogo di spiritualità ed allo stesso tempo di inquietudine. Durante la presentazione infatti si è ripercorsa la parabola esistenziale del poeta-regista che, con il passare degli anni, diventa sempre più pessimistica: da “Il vangelo secondo Matteo”, in cui l’Etna è luogo eletto, passando per “Teorema”,“Porcile”fino a “I racconti di Canterbury”,dove il vulcano diventa regno del Maligno. In seguito alla presentazione del libro, a cui ha preso parte anche la moglie di Gesù, la signora Rosa, che ha omaggiato gli organizzatori del Festival di una copia del libro, è stato proposta la proiezione di “Immagini e suggestioni”tratte proprio da film pasoliniani ambientati sull’Etna. Durante la giornata è stato possibile visionare una mostra collaterale di locandine e foto di scena della collezione di Sebastiano Gesù.

IMG-4785-1-01

A concludere la magia della quarta giornata del Festival, la Marionettistica dei Fratelli Napoli di Cataniache ha proposto un contributo tratto da “L’Oro dei Napoli” autodramma di famiglia.

L’appuntamento adesso è il 7 luglio con l’evento “Inchiostro e Musica” a cura di Carthago Edizioni: durante l’intera giornata si alterneranno presentazioni di libri della casa editrice catanese ed infine, alle ore 20.30 il maestro Vincenzo Spampinato presenterà il suo libro “Fioriranno i mandorli sulla luna”ed omaggerà i presenti con la sua musica.

La kermesse, chericordiamo prevede un ricco calendario di eventi (www.etanmusafestival.it)fino al 4 agosto, è realizzata con il Patrocinio dell’Assessorato allo Sport, Turismo e Spettacolo della Regione Siciliana, del Comune di Bronte, del Comune di Maletto, dell’Accademia delle Belle Arti di Catania, del Liceo Classico Statale “N.Spedalieri” di Catania e dell’ Istituto Superiore “Ven. Ignazio Capizzi” di Bronte.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *