Alla Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea “Lucio Barbera” la Giornata europea della Musica, un appuntamento importante che si rinnova

Anche quest’anno la Città Metropolitana di Messina ha aderito alla Giornata europea della Musica, manifestazione promossa dal Ministero dei Beni ed Attività Culturali che si svolge in tutto il territorio nazionale in occasione del solstizio d’estate

Festa-della-musica-2018

La manifestazione si è svolta giovedì 21 giugno 2018 alle ore 17,00 nei locali della Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea “Lucio Barbera“ della Città Metropolitana di MessinaLa manifestazione è nata in Francia nel 1982 e dal 1995 ha assunto un carattere internazionale coinvolgendo contemporaneamente più di 60 città europee. Una giornata dedicata alla musica organizzata in tutta l’Italia per trasmettere quel messaggio unico che solo la musica riesce a trasmettere, a diffondere negli animi di chi ascolta: un messaggio di cultura, di partecipazione, di integrazione e universalità.

Festa-della-musica-2018-1

Piazze, strade, parchi, musei, luoghi di culto, carceri, ambasciate, ospedali, centri di cultura, stazioni ferroviarie, aeroporti e metropolitane di oltre cinquecento città e borghi italiani sono state interessate e coinvolte da più di 9 mila eventi. L’iniziativa è promossa in Italia dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, dalla SIAE e dall’Associazione italiana per la promozione della Festa della Musica, in collaborazione con l’Anci, l’Unpli, la Conferenza delle Regioni e con il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca.

Festa-della-musica-2018-2La Festa della Musica nell’anno europeo del patrimonio culturale ha avuto come testimonial di eccezione Ezio Bosso, direttore del Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste. L’argomento di quest’anno della festa è stata la gioia e lo stesso direttore Bosso, nel lanciare l’iniziativa dal Teatro Verdi, ha invitato tutti a riempirsi di vita, di musica e di pace. L’evento cui ha aderito la Città Metropolitana di Messina, a cura del Servizio Cultura, V Direzione, è stato inserito nelle celebrazioni quasimodiane in occasione del cinquantesimo anniversario della morte di Salvatore Quasimodo.

Festa-della-musica-2018-3

Prima dell’evento, abbiamo chiesto ad Angela Pipitò, Responsabile del Servizio, cosa le fa maggiormente piacere che emerga da questa iniziativa: “La cosa importante di questo incontro è che appunto c’è il valore della musica che viene messo in evidenza, il Festa_della_musica_2018valore della musica che è un valore universale, un valore che va oltre i confini, abbatte tutti i muri per cui il messaggio che noi vogliamo dare è quello appunto della solidarietà, della pace, dell’integrazione e questo lo possiamo fare solo attraverso la musica al di là delle lingue, delle etnie, delle religioni. E vediamo che oggi questa Galleria abbraccia tante arti insieme alla musica. Oggi ci sarà una fusione, una fusione armoniosa tra arte, che si trova appunto in questa splendida location dove ci troviamo, poesia e musica, tutto messo insieme”.

Durante il corso della manifestazione uno spazio è stato dedicato alla poesia con un recital di poesie tra le più significative del poeta Salvatore Quasimodo, recitate dalla viva voce della bravissima Elena Grasso, voce recitante anche nel 2015 per la “Settimana Quasimodiana”, alla Galleria provinciale d’Arte Moderna e Contemporanea “Lucio Barbera”.Festa-della-musica-2018-4

Fra i musicisti, invece, presente Marco Zappia che ha cominciato a suonare il pianoforte all’età di cinque anni. Nato a Patti nel 1996, a dodici anni è entrato al Conservatorio “Arcangelo Corelli“ di Messina riportando ottimi risultati nel suo percorso di studi. Ha partecipato come solista a diversi concorsi nazionali ed internazionali aggiudicandosi importanti premi: il primo premio assoluto in occasione del concorso nazionale “Salvuccio Percacciolo”, nelle tre edizioni (2010-2014-2015), al Teatro Vittorio Emanuele di Messina in occasione della cerimonia conclusiva di premiazione dell’edizione del 2010; il primo premio al concorso nazionale “V. Bellini”; il primo premio al concorso nazionale “G. Ierna” di Floridia nel 2013; il primo premio al concorso nazionale “P. Mandanici” di BarcellonaP.G. nel 2014 e nel 2017; nel corso del 2017 ha vinto il primo premio al concorso internazionale “L. S. D’Agata” ad Acireale. Nel 2018 ha vinto il Primo Premio assoluto al Concorso Nazionale “B.Albanese” di Caccamo (PA) e si è aggiudicato il Primo Premio al Concorso internazionale “Amigdala” di Aci Bonaccorsi (CT).Ha preso parte anche a numerose Rassegne musical fra cui la stagione concertistica “Riflessuoni” organizzata dal Conservatorio A.Corelli di Messina. Si è esibito inoltre per la Città Metropolitana di Messina in diverse occasioni, tra cui la VI e la VII edizione della Settimana Quasimodiana (2016 e 2017) e la Festa Europea della Musica nelle edizioni del 2016, 2017 e 2018. Ha inoltre frequentato un corso di alto perfezionamento di pianoforte, un corso di Orchestrazione, Composizione, Trascrizione e Arrangiamento e tra il 2016 e il 2017 un workshop di musica elettronica. Insieme agli interessi pianistici coltiva la passione per la composizione, con particolare riguardo alla composizione applicata alle immagini.

Il duo Deborah Ferraro Daniela Munzi nasce invece alla fine dell’anno 2017 all’interno della classe di arpa del Maestro Laura Di Monaco, nel Conservatorio di Musica “A.Corelli“ di Messina.

E’ composto dalle arpiste Deborah Ferraro e Daniela Munzi, studentesse attualmente iscritte ai Corsi Superiori di Biennio del Conservatorio di Messina.

Il repertorio è composto da brani originali di repertorio arpistico e da trascrizioni di importanti opere. Il Duo Ferrari-Munzi ha già all’attivo la partecipazione al Concorso Internazionale di Musica “ Amigdala” 2018 vincendo il primo premio nella formazione “Ensemble di Arpe” e al Concorso Nazionale “ Città di Barcellona P.G;” 2018 vincendo il secondo premio nella sezione di Musica da Camera.

Claudio Faranda infine ha partecipato anche l’anno scorso alla Giornata europea della Musica, in Galleria e, a Messina, nel maggio scorso, ha fatto parte dell’ensemble strumentale: Paolo Corda e Aldo Capua (fisarmoniche) Itaziar Calvo e Claudio Faranda (flauti)Giorgio Sparacino, Francesco Manuli e Giuseppe Grimaldi (clarinetti) Michele Amoroso (pianoforte) con cui il Conservatorio Arcangelo Corelli di Messina, l’Associazione Nazionale Magistrati e il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Messina nel 150°anniversario della scomparsa di Gioacchino Rossini hanno dedicato uno dei suoi capolavori alla memoria di Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e degli uomini della scorta tutti morti nella strage di Capaci. Festa-della-musica-2018-5

Questo è stato il programma della serata:

Duo Ferraro-Munzi : arpe

Cambria: John Thomas

Danza oriental _Enrique Granados (trascr. Elisabeth Colard)

Sonatine (Allegro) – Jean Michel Damase

Around the clock (Ten past two) – Pearl Chertok

Danza macedone – Carmelo Mafali

Recital di poesie di Salvatore Quasimodo

Voce recitante: Elena Grasso

 

Marco Zàppia : pianoforte

Wagner-Liszt “Am Stillen Herd“ dai Maestri Cantori di Norinmerga

Debussy: dal primo libro dei Preludi: n.7 “Ce qu’a vu le vent d’Ouest”

Duo pianoforte e flauto

Marco Zàppia-Claudio Faranda

Sonata per flauto e pianoforte di Bohuslav Martinu

locandina-festa-della-musica-2018

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *