Alberto Radius sul Grattacielo di Milano per il 50 Anniversario dei Beatles in Italia

Non si può parlare di Musica senza parlare di loro, della band più famosa al mondo, i Beatles: ritornano sui tetti del Nuovo Palazzo della Regione Lombardia a Milano. Alberto Radius presente all’evento presentato da Giusy Randazzo. Gianfranco “Pupo” Longo degli storici “New Dada”, Davide Verazzani e Rolando Giambelli tra i tanti protagonisti. 

Alla vigilia del 50° Anniversario della tournée degli artisti in Italia si è infatti dato vita il giorno 24 Settembre ad un evento musicale e culturale in loro onore organizzato da Rolando Giambelli, presidente e fondatore dei “Beatlesiani d’Italia Associati” oltre che musicista e chiaramente grande appassionato della band di Liverpool .

Sicuramente di forte impatto la location scelta per la manifestazione, ovvero la terrazza panoramica (38° piano) del Nuovo Palazzo della Regione Lombardia, il palazzo più alto d’Italia, da dove si scorge un panorama mozzafiato sulla città di Milano .

La scelta inoltre non risulta essere casuale, vuole infatti ricordare l’ultima esibizione dei Beatles sulla terrazza Apple di Londra nel 1969. 

Il tutto è stato organizzato in modo tale da rievocare gli “Scarafaggi“ e la loro intramontabile musica attraverso ogni dettaglio .

Numerosi gli ospiti che hanno partecipato, fra questi Alberto Radius, chitarrista, cantante e compositore che si è esibito sia in compagnia di Rolando Giambelli e Mauro Volonterio su brani dei Beatles, sia da solista su brani legati alla sua carriera ed al suo repertorio fra cui una versione particolarissima di “Non è Francesca“ .

Presenti anche Gianfranco “Pupo” Longo con i “New Dada”, band beat anni ’60 che ricordiamo aver aperto i concerti dei Beatles in Italia nella mitica tournée di cui si celebra la giornata e avere addirittura ricevuto gli applausi dei baronetti in persona per la performance .

Non solo musica e strumenti ma anche musica legata al corpo attraverso lo spettacolo di danza proposto dalla coreografa Orietta Trazzi, ovvero un breve estratto del balletto classico di “A Day in the Life“, una storia danzata a ritmo di Beatles e impersonata dalla giovanissima ballerina Silvia Gazzara .

Molto interessante anche l’intervento di Davide Verazzani, giornalista, attore e scrittore che ha letto un brano tratto da “La Versione di Neil“, spettacolo teatrale di cui è autore che racconta la storia o meglio le varie storie e vicissitudini dei Beatles viste dagli occhi di Neil Aspinall, loro tour manager .

Presentatrice dell’evento la giornalista e conduttrice radiotelevisiva Giusy Randazzo che insieme all’organizzatore Rolando Giambelli ha omaggiato e ricordato attravaerso le parole, le foto e i vari interventi questa band che ancora oggi rimane attuale e certamente unica.

Assenti per imprevisti, ma presenti in diretta telefonica, il cantante e compositore Alberto Fortis e Guido “Guidone“ Crapanzano che ricordiamo con la sua formazione del tempo, i “Giovani Giovani”, fu il primo ad aprire tutti i concerti dei Beatles .

Uno spettacolo gioiso e appassionato che ha visto l’alternarsi di musica, danza, parole e tanti aneddoti in una location insolita e particolare al centro della Milano di “Expo 2015”, una Milano del futuro che però ricorda e celebra il passato ed il suo patrimonio culturale e musicale .

Eventi come questo, dove la Musica è protagonista, non sono soltanto positivi per l’arte ma anche per la memoria storica di ognuno di noi e per questo si ringrazia anche tutto lo staff della Regione Lombardia .

A riprendere il tutto ed a trasmetterlo in streaming in diretta mondiale sono state le telecamere di “Brixia Channel Tv“ di Sasà Massarelli che grazie alla regia mobile, o per meglio dire visto il luogo “volante“, hanno offerto un servizio tempestivo e realistico.

Per chi si fosse perso la diretta o volesse rivedere l’evento troverà a giorni la registrazione sul sito dei Beatlesiani ovvero: www.beatlesiani.com e www.thebeatles.it .

                        Buona musica e… viva i Beatles ieri, oggi e domani… 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *