Al via la quarta edizione di “Roma Cantautori”

A Roma, sabato 4 febbraio alle ore 19, presso il Centro Polmone Pulsante alla Salita del Grillo, 21 andrà in scena la quarta edizione di “Roma Cantautori”. Evento musicale dedicato a musicisti del settore

apertura

In una cornice storica suggestiva, nel cuore di Roma, a pochi passi da via dei Fori Imperiali e dai Mercati Traianei, sabato 4 febbraio, alle ore 19, al Centro Polmone Pulsante della Salita del Grillo, andrà in scena Roma Cantautori. Un evento musicale che da quattro anni è dedicato ai cantautori che operano nel territorio di Roma. In genere ogni edizione ospita quattro cantautori, ognuno ha a disposizione circa 30 minuti, necessari a esibirsi con otto o nove brani.

 A presentare la serata, Angelo Campus, artista della fotografia, fotoreporter, servizi fotografici in giro per il mondo e l’Italia.

angelo campus

Per questa quarta edizione si avrà modo di ascoltare Emiliano Guiducci, Ryan il Figlio di Margaret, Angela Davis Loconte, Edy Paolini.

A seguire, visita facoltativa del Museo di Saverio Ungheri, indimenticabile Maestro ed Artista tra gli esponenti del Manifesto Astralista.

C’è un elemento fondamentale che pone questa rassegna in una posizione differente rispetto a simili manifestazioni, premi, festival e contest: Roma Cantautori non proclama vincitori. A vincere, infatti, è sempre e solo la condivisione reciproca tra autori e pubblico.

L’idea è quella secondo cui l’arte non può e non deve avere nulla a che fare con una volgare gara fatta di concorrenti. Come sottolineano gli ideatori della rassegna, gli artisti, proprio in quanto tali, non sono fatti per concorrere ma per ideare, creare e condividere con tutti. Le gare le fanno gli atleti e i concorrenti televisivi.

L’evento si svolgerà al Centro promozionale delle Arti e della Ricerca Polmone Pulsante alla Salita del Grillo 21, nel cuore di Roma. La partecipazione per tutti gli artisti è gratuita.

Come ribadiscono gli organizzatori, “l’obiettivo di Roma Cantautori è quello di condividere tra artisti e pubblico fruitore un patrimonio culturale, quello del cantautorato italiano che, nel nostro paese, forse per colpa della cultura dei talent show sempre più prepotentemente diffusi nel mondo occidentale, si sta perdendo giorno dopo giorno. Purtroppo è sempre più diffusa la convinzione secondo la quale i cantautori non esistono più, lo stesso pubblico non conosce affatto la differenza tra cantante e cantautore e l’industria discografica non investe da anni sugli autori perché preferisce affidarsi esclusivamente a prodotti poveri di contenuti e dalla forma sempre più banale e stereotipata. Bei visi, immagini costruite ma di canzoni destinate ad imprimersi nella storia, neppure l’ombra”.

Alessandro Cives

 Volendo tracciare un minimo di storia di Roma Cantautori, la rassegna è stata fondata dal cantautore Alessandro Cives per portare in evidenza ciò che esiste ancora nella realtà dei cantautori, quelli che fanno ricerca, che scrivono, inventano, pensano e interpretano. Nasce per restituire al pubblico quella situazione di scuola cantautorale che caratterizzava e influenzava fortemente l’identità culturale anche dell’industria della musica di largo consumo.

Un esempio di alcuni partecipanti a precedenti edizionii: Giampaolo Bianco, Alessandro Cives, Il Sogno della Crisalide, Bombay, Sonia Scialanca, Stefano Petucco, Annalisa Marra, i Kriya e, come special guest, anche Ernesto Bassignano, storico cantautore del Folk Studio, uno dei quattro ragazzi con la chitarra che sono citati nel brano di Antonello Venditti “Notte prima degli Esami”.

Il Centro promozionale delle Arti e della Ricerca Polmone Pulsante è uno spazio messo a disposizione degli artisti, dei ricercatori, degli intellettuali e del pubblico.

Fu fondato negli anni 70 da Saverio Ungheri, indimenticabile Maestro e artista tra gli esponenti del Manifesto Astralista sorto negli anni 50. Suo figlio Andrea Ungheri gestisce lo spazio e la relativa associazione culturale. Il Centro ospita mostre, seminari, concerti, reading, dibattiti, proiezioni, corsi, rappresentazioni teatrali e un museo permanente sotterraneo con tutte le opere di Saverio Ungheri, sia quelle astraliste sia quelle di arte bionica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *