MALDESTRO in concerto a “Chi passa alla Locanda”

MALDESTRO in concerto a “Chi passa alla Locanda” il cartellone della Locanda d’inverno del Dum Dum. Il cantautore tra le Nuove Proposte del 67esimo Festival di Sanremo con il brano “Canzone per Federica”. Venerdì 6 gennaio 2017, ore 21:00 – La Locanda del Mare, Via Linora – Paestum Salerno

 

15843971_10154811759113638_8731551662130348355_o

Inizia in musica il nuovo anno della Locanda del Mare. Protagonista del palco del porto d’inverno del Dum Dum Republic per la rassegna “Chi Passa alla Locanda”venerdì 6 gennaio alle ore 21 (ingresso libero), sarà Maldestro con il concerto dal vivo che chiude il suo tour  prima di partecipare al 67esimo Festival di Sanremo, dal 7 all’11 febbraio, tra gli otto finalisti della sezione Nuove Proposte con il brano “Canzone per Federica”, di cui di recente è uscito anche il videoclip diretto da Cosimo Alemà (clicca qui https://youtu.be/KzUQ_qkybc4).

Attualmente è in lavoro di studio per l’album che lascerà più spazio all’elettronica rispetto al passato, in uscita a fine febbraio 2017. “Prendo Sanremo come un gioco, un gioco serio come diceva Eduardo – racconta in un’intervista all’Ansa – Si parte da lì per costruire la propria strada. Salire in cima è facile, ma cadere è un attimo”.

Strade che cambiano tutto, strade possibili. “Ogni caduta è l’inizio di un nuovo volo… ma tu cammina cammina, accumula strade lasciando che tutto si muova”, canta in “Canzone per Federica”. Una poetica intensa e vibrante, affascinata da tutto ciò che è umano, con l’ossessione per le parole e la complessità dei testi che parlano della forza della natura, dell’assenza di Dio, di fiori che resistono e di risposte che si trovano negli sguardi. Autore raffinato dalla voce graffiante, racconta nelle sue canzoni e nei suoi spettacoli l’amore, la rabbia, la speranza, il disagio e la disperata voglia di vivere di un giovane poeta contemporaneo senza rinunciare a un’ironia piena di vita, cuore della sua musica, riuscendo a cogliere la magia profonda della sua terra natale.

Una Napoli “tatuata addosso nel bene e nel male” per Maldestro, che scrive e canta le sue canzoni, ispirandosi a grandi maestri come Fossati, De Andrè e Gaber, soprattutto nel coniugare il teatro-canzone. Ha calcato il più grandi palchi d’Italia, infiammando Piazza San Giovanni a Roma al Concerto del Primo Maggio 2016 con i brani Sopra al tetto del comune (con il quale,  tra il 2013 e il 2014 ha vinto premi prestigiosi, come Premio Ciampi, Premio De André, SIAE, AFI, Palco Libero e Musicultura) e l’inedito Facciamoci un Selfie“.

Può essere considerato l’artista rivelazione della scena cantautorale degli ultimi 2 anni. Il suo primo album Non trovo le parole, è uscito il 14 aprile 2015 e tra il 2014 e nel 2015 si è esibito in oltre 100 concerti in festival e location importanti (Ravello Festival, Auditorium Parco della Musica, Villa Ada, etc.) da solo o con altri artisti del calibro di Vecchioni, Mannarino, James Senese e molti altri.

Un pregiudizio da abbattere, per lui nato a Scampia, classe ’85, figlio di un boss.  La musica e il teatro intesi come  “una boccata d’aria pulita”, avvicinandosi allo studio del pianoforte regalatogli dalla mamma a nove anni. E poi il teatro, nelle vesti di attore, autore e regista, che ha cambiato la sua vita, dandogli voce, riuscendo a creare nuovi mondi e trasformando il dolore in arte.

Da anni Maldestro è impegnato sui temi della legalità e della sensibilizzazione, raccontandosi a cuore aperto nelle scuole o nei carceri o attrarverso il documentario della Bbc, per insistere sull’importanza della cultura per sconfiggere la criminalità organizzata.

E per tutti i “#DumDum Lovers” presenti al concerto anche un piccolo regalo per la Befana!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *