Acceso l’Albero di Natale “dei desideri”

Acceso l’Albero di Natale “dei desideri” dei bambini del Policlinico Vittorio  Emanuele. Ieri in piazza Università a Catania uno spettacolo per i cittadini

piazza-universita

In un’atmosfera surreale, fatta di luci, canti, emozioni, gusto, desideri, ha avuto luogo ieri la cerimonia ufficiale dedicata all’Albero di Natale di Piazza Università.

Tanti i protagonisti della serata, ognuno ha dato il proprio contributo per sottolineare l’importanza di un progetto benefico, quello della Fondazione Contessa Lene Thun, impegnata da quasi due anni a Catania, presso il reparto di Ematologia Oncologica Pediatrica del Policlinico Vittorio Emanuele. L’albero di Natale della città etnea, infatti, acceso ieri ufficialmente alla presenza del Sindaco di Catania, Enzo Bianco e del fondatore della Onlus bolzanina, Peter Thun, è decorato da addobbi  che  riproducono la speranza e i sogni di bambini e ragazzi ricoverati, gli stessi che hanno arricchito persino il prestigioso Abete di Piazza San Pietro e per questo, pochi giorni fa, hanno vissuto l’esperienza di andare a Roma, in udienza privata da Papa Francesco.

A rendere possibile tutto questo, oltre l’impegno dello staff della Fondazione e il supporto dell’azienda THUN, più di 220 volontari sul territorio nazionale attivi tutte le settimane nella gestione dei laboratori di ceramico-terapia, non ultimi medici e l’equipe sanitaria che quotidianamente impiegano le loro risorse nella lotta alla malattia.  Per quanto riguarda il Policlinico Vittorio Emanuele di Catania, un ringraziamento particolare va al Direttore Generale Dott. Salvatore P. Cantaro, alla Prof.ssa Giovanna Russo (Direttrice reparto Ematologia Oncologica Pediatrica) e alla Dott.ssa Cinzia Favara (psicoterapeuta reparto). 

Tante le emozioni del pomeriggio vissuto ieri, dalla consegna, da parte della piccola Chiara al Sindaco, di un dono di argilla decorata da lei durante le ore di “ceramicoterapia” in reparto, al suggestivo “racconto” di Natale con la sabbia della Sand Artist più famosa d’Italia Stefania Bruno, alle note Gospel del Coro “Shiloh” (portatore di pace) che ha deliziato i presenti con il più classico dei repertori Natalizi, al “mapping” natalizio sul bellissimo palazzo barocco di Piazza Università. Il tutto sotto una soffice neve che, con un pizzico di immaginazione, ha fatto sognare soprattutto i più piccoli.

In piazza non sono mancati i momenti di degustazione di panettone, torrone. A servire vino, spumante e prosecco hanno voluto esserci il delegato di Catania dell’Ais, Maria Grazia Barbagallo e il sommelier Salvo Di Bella.

Catania, è stata scelta dalla Fondazione Lene Thun  con altre 5 piazza italiane, Bolzano, Merano, Padova, Cagliari e Cosenza dove sono state allestite altrettante 5 installazioni locali di grande bellezza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *