Inizio spumeggiante per il Festival Indipendente di Cinema Breve

Ieri si è inaugurato il Festival Indipendente di Cinema Breve che si svolgerà sino al 4 dicembre, a Gravina di Catania presso l’auditorium del Teatro Angelo Musco, un programma ricco di eventi, filo conduttore di tutto il festival, la Mafia.

foto-1

Giovani studenti nella Foto di Ylenia Zappalà

Grande successo con una notevole presenza di pubblico, infatti il direttore artistico, Cirino Cristaldi ha dichiarato: “La prima giornata si è conclusa nei migliori dei modi. Ci sono stati  150 studenti provenienti da diverse scuole dalla Sicilia e tanti altri appassionati. Le conferenze sono state seguite e abbiamo registrato un pienone di pubblico. Ci aspettiamo un pubblico così entusiasta anche nei prossimi giorni”.

La kermesse è iniziata con il Concorso Cortometraggi Scolastici, i bambini delle scuole sono stati premiati, ecco  i vincitori:

Premio per il miglior film: Alter Ego, Liceo Meucci, Aprilia LT.

Menzione per la qualità del lavoro svolto e per l’interpretazione a cui va una menzione speciale. –Ritirano il premio il regista e il compositore delle musiche.

Premio speciale per una scuola siciliana della giuria e premio speciale per l’impatto sociale: Un’altra Città di I.C. Dusmet-Doria, Catania

Migliore colonna sonora: Mafia I.C.S. Di Guardo, Catania

Premio per miglior regia e miglior fotografia: Lo Studente che non c’è, Scuola Media Luciani di Ascoli P.

Miglior montaggio: Il cinema è un’invenzione per l’avvenire, Associazione Culturale Kinetta

Premio pubblico e Miglior sceneggiatura: La tradizione siciliana, I.C.S. Verga di Viagrande.

Menzione speciale per il tema trattato: Passi in più per andare a scuola, I.C.S. P. Orsi di Siracusa.

Nel pomeriggio sono stati proiettati due dei film in concorso per la sezione Film in Sicily, “Italo” di Alessia Scarso  e “Gleno- dove finisce la valle” di Francesco di Martino, domani il terzo film in gara.

foto2

Nella Foto da sinistra Marcella Messina, Cirino Cristaldi e Nino Gullotti

Un festival che non è solo cinema ma anche libri, nella location della Sala delle Arti di Gravina,  è stato presentato “Regressione Suicida” libro di successo di Salvatore Massimo Fazio accompagnato dall’editore Salvo Bonfirraro.

Il festival nasce con l’intento di porre l’attenzione su temi importanti, quali la Mafia, l’ambiente, la sensibilità verso gli animali e la Natura, visti attraverso gli occhi di chi queste realtà le vive continuamente. Si è conclusa così questa giornata, con l’apertura ufficiale del festival e il ritorno al tema conduttore sulla mafia con il monologo di Nino Gullotti, 100.

Un Festival ricco di eventi che vuole avere un risvolto educativo così come ha dichiarato la presidente dell’associazione Gravina Arte, Marcella Messina:  “Ieri abbiamo avuto ospiti scuole siciliane e non. Siamo contenti che un tema così importante come quello del cinema possa coinvolgere ragazzi e aiutarli nel comprendere non solo i valori educativi, ma anche una passione di quest’arte.”

Anche oggi un programma ricco.

2-dicembre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *