Vi presento Baby Boom : il superjet del futuro

Il prototipo, XB1 con il soprannome “Baby Boom”, è stato presentato da Richard Branson e sarà attivo per l’aviazione commerciale dal 2023. Ecco il volo Londra – New York in sole tre ore e mezzo. 

baby-boom

Un aereo potrà portare passeggeri da Londra a New York in sole tre ore e mezzo. Si chiama ufficialmente XB1, e sarà l’aereo più veloce del mondo, a partire dal 2023, quando il prototipo svelato dal numero uno di Virgin Galactic Richard Branson, inizierà a solcare i nostri cieli, sulla scia del vecchio Concorde, il velivolo superveloce ormai uscito dalla produzione da ben tredici anni dopo gravi incidenti. L’ultima volta che il Concorde si è sollevato in cielo battendo numerosi record di velocità e potenza è stata nel lontano 2003. 

In realtà, però si tratta di prototipi che incantano gli occhi ma che spesso pesano fin troppo sul portafogli dei costruttori rallentando l’innovazione degli aerei.  In questo senso, quella di Branson è una novità assoluta che sovverte in toto gli ultimi dati abbastanza statici.

Ad ogni modo, al velivolo XB1 è già stato assegnato un soprannome: Baby Boom. Boom come il nome della start up che l’ha progettato, una compagnia di Denver che conta nel suo team ingegneri Nasa Boeing, oltre all’astronauta Mark Kelly. E su questa linea d’onda il magnate Richard Branson non smette di stupire anche grazie al suo universo finanziario (Virgin Group) composto da oltre quattrocento società satelliti.

Perchè proprio Baby? La risposta è dovuta solo ed esclusivamente alle dimensioni decisamente piccole. Il velivolo, infatti, ha appena 40 posti, contro i 100 del Concorde. Anche per questo, oltre che per la costruzione interamente in fibra di carbonio, invece del consueto alluminio, la sua struttura è tanto leggera da permettergli di volare ad una velocità mai vista prima: 2600 km/h contro i 2100 di media del Concorde. Si tratta certamente di un bel risparmio, anche se unicamente di tempo visto che i costi di un collegamento del genere saranno molto alti: si parla di un biglietto che dovrebbe aggirarsi intorno ai 5000 dollari per le tratte di andata e ritorno.

A lanciare il Baby Boom nell’aviazione commerciale sarà ovviamente la Virgin Galactic di Richard Branson che, grazie all’ingente partecipazione di capitali nella start up, si aggiudicherà i primi 10 esemplari dell’aereo superveloce. Sono soprattutto i collaudatori a sperare nella riuscita del primo decollo verso la fine 2017, mentre l’aviazione commerciale è prevista per l’anno 2023.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *