Il 3 ottobre la “Giornata per le vittime dell’immigrazione”

Promossa dal Comune di Catania, il 3 ottobre, con gli studenti si celebra la “Giornata in memoria delle vittime dell’immigrazione”

palazzo-platamone

Immigrazione, accoglienza e convivenza tra i popoli sono gli argomenti al centro dell’incontro che l’assessorato alla Scuola retto da Valentina Scialfa organizza il 3 ottobre nel Palazzo della Cultura in occasione della “Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione” per presentare lavori tematici realizzati dalle scuole Diaz-Manzoni, Fontanarossa e Pestalozzi.

L’iniziativa, coordinata dall’ufficio Attività parascolastiche della direzione Pubblica Istruzione il cui inizio è previsto nella sala conferenze a partire dalle ore 10, si articola in diversi momenti con video, performance teatrali, musicali e artistiche curate dagli studenti. L’obiettivo è quello di conservare la memoria di quanti hanno perso la vita nel tentativo di emigrare verso il nostro Paese, sfuggendo alle guerre, alle persecuzioni, alla miseria.

immigrazione

La manifestazione nasce su proposta dell’Anci Sicilia, che ha invitato i Comuni isolani a promuovere iniziative nelle sedi istituzionali e nelle scuole in occasione della “Giornata nazionale” istituita nel 2016 in ricordo delle 366 vittime del naufragio avvenuto il 3 ottobre del 2013 al largo di Lampedusa.

Il programma della mattinata prevede, tra l’altro, la proiezione di un video con interviste e dibattiti, un’esecuzione canora con musica dal vivo curata dagli alunni della scuola Diaz-Manzoni, la recita di un monologo tratto dallo spettacolo teatrale “E la pace verrà” inframmezzata e arricchita dalla proiezione di un video e da canzoni e musica dal vivo curate dagli alunni della scuola Pestalozzi e la presentazione di un dipinto su tela realizzato dagli alunni della scuola Fontanarossa e dagli studenti del CPIA (Centro Provinciale Istruzione Adulti) Catania 1, nell’ambito delle attività del Polo Catanese di educazione interculturale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *