Beach Volley che passione! Finale scudetto alle Capannine

I nuovi campioni d’Italia sono Marta Menegatti e Laura Giombini, reduci dalle Olimpiadi di Rio, e Marco Caminati ed Enrico Rossi, vittoriosi in finale su Martino-Benzi.

14233558_10206676989032997_1198274530_o Il risultato speciale per il beach volley siciliano è l’argento di Nellina Mazzulla (messinese di Venetico) e della catanese Graziella Lo Re (in semifinale su Allegretti-Annibalini impresa in tre set). Di bronzo, invece, Paolo Ficosecco e Gianluca Casadei, la coppia delle Capannine allenata da Giampietro Rigano.14273465_1265358323497978_930597017_o (1)

Per la terza volta consecutiva il campionato italiano si svolge nella magnifica location del Centro federale delle Capannine alla plaja di Catania: Nella tre giorni etnea sono transitati dal Villaggio delle Capannine i maggiori enti dello sport nazionale e regionale.

allBeach volley mania. Ancora una volta il volley sulla sabbia ha fatto breccia nei cuori catanesi e non solo. Probabilmente il clamoroso successo riscosso dal beach volley alle recenti olimpiadi di Rio De Janeiro ha avuto il suo effetto positivo ma non c’è dubbio che se per la terza volta consecutiva il campionato italiano si svolge nella magnifica location del Centro federale delle Capannine alla plaja di Catania un motivo c’è. Significa che Catania è la vera patria del beach volley italiano. Nella tre giorni etnea sono transitati dal Villaggio delle Capannine, trasformato del tutto e per tutto in un concentramento di campi da gioco, i maggiori enti dello sport nazionale  e regionale per i quali ha svolto le mansioni di cerimoniere il direttore delle Capannine Michele Gualtieri. Dal presidente del Coni Giovanni Malagò, al presidente del Coni Sicilia Sergio D’Antoni,  dal presidente Fipav Carlo Magrì a quello regionale Enzo Falzone, dal presidente della Fir Orazio Arancio all’assessore regionale allo sport Antony Barbagallo, dal sindaco della città metropolitana di Catania Enzo Bianco all’assessore allo sport di Catania Valentina Scialfa, a Francesca Raciti, presidente del consiglio comunale di Catania, nonché padrona di casa, e al presidente del Cus Catania Lucio Di Mauro. Insomma, non mancava nessuno. Ospite d’onore della manifestazione Paolo Nicolai, argento, con Daniele Lupo, a Rio de Janeiro. Un ragazzone, votato subito come “mister simpatia” per il suo carattere gioviale e la sua grande disponibilità. Anche e soprattutto dal punto di vista tecnico il campionato italiano ha ottenuto un clamoroso successo per le grandi firme nazionali che vi hanno preso parte, tra le quali alcuni reduci dal Brasile come la coppia Ranghieri-Carambula (specialista della sky-ball) e quella femminile Menegatti-Giombini. Per continuare con Martino-Benzi, Ficosecco-Casadei, Caminati-Rossi. Federico e Giosué Andronico e ancora con Claudio Martinengo, alla sua prima assoluta, in coppia con Franco Arezzo, con Carmelo Mazza- Andrea Zurini. Tra le ragazze sono state come sempre magnifiche Nellina Mazzulla e Graziella Lo Re, giunte in finale, dove hanno ceduto alle più forti e anche più giovani Marta Menegatti e Laura Giombini.II cla.

Senza rimpianti il team femminile secondo classificato Mazzulla-Lo Re. “Siamo felicissime, volevamo il podio. Abbiamo avuto l’onore di giocare sul campo di casa”.

Le coppie partecipanti sono state 23 maschili e 21 femminili, tutte di grande spessore tecnico, come ampiamente dimostrato dal grande equilibrio di tutte le gare. Non sono mancate le sorprese, tra le quali la sconfitta di Carambula-Ranchieri che in semifinale hanno ceduto a Caminati-Rossi per 0-2. Anche la sconfitta della coppia Paolo Ficosecco-Gianluca Casadei nella combattutissima semifinale contro Matteo Martino-Davide Benzi, al tie break, non rientrava nei pronostici. Gli stessi Martino-Benzi hanno ceduto in una combattutissima finale per lo scudetto a Marco Caminati- Enrico Rossi, che si sono rivelati giocatori di grande talento. Soddisfatto a metà l’allenatore del team, ormai di casa, più volte “argento” Ficosecco-Casadei, Gianpietro Rigano (già campione d’Italia alla guida di Mazzulla-Lo Re nel 2011) il quale ha dichiarato: "Alla luce della stagione e fino all’inizio del torneo che, peraltro, si è rivelato molto bello, se mi avessero detto che ci saremmo classificati al 3° posto l’avrei sottoscritto, ma dopo la nostra vittoria contro la coppia Carminati-Rossi, poi ripescati e vincitori del torneo, penso che i miei ragazzi, per quanto dimostrato, avrebbero meritato di più”.Nicolai2

Nel corso della manifestazione abbiamo avuto l’occasione per scambiare qualche battuta con l’ospite d’onore della manifestazione Paolo Nicolai il quale simpaticamente ha affermato: "L’organizzazione di questo campionato italiano a Catania è stata perfetta, devo fare i miei complimenti per tutto”.

La tua impressione su Catania?

Bella la città, fantastico il mare, bellissime donne e grande apprezzamento per la carne di cavallo e le granite. Grazie Catania”.

NicolaiNICOLAI IN CAMPO. Ecco che lo show prende corpo. In campo per venti minuti si materializzano Paolo Nicolai per una esibizione fuori programma accanto a un baby pallavolista Manuel. Paolo Ficosecco scende in campo con Seby Litrico. Proprio i piccoli beacher diventano gli idoli del pubblico e si disimpegnano in interventi tecnici significativi.  Un “siparietto” che consente ai tifosi di poter ammirare la medaglia olimpica che era stata premiata sabato mattina – insieme con il tecnico Matteo Varnier – dal presidente della Fipav Sicilia Enzo Falzone e dall’assessore regionale allo Sport Barbagallo. Paolo Nicolai e Paolo Ficosecco chiudono con il lancio della canotta. Falzone

Il presidente FIPAV Falzone premia l’organizzazione che ha lavorato in questi giorni: “Team vincente, staff rodato. Ringrazio tutti quelli che si sono adoperati per il successo dell’evento”. Michele Gualtieri, direttore delle Capannine, promoter del master finale: “I numeri sono stati straordinari. A settembre un pubblico così è da copertina”.

Immagini collegate:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *