Al TaorminaFilmFest le lettere al Duce: “Mussolini ti amiamo”

E Andrea Camilleri disse al Duce:-“Voglio menare le mani in Abissinia”

 

Duce

 

Alla 62/a edizione del TaorminaFilmFest, in programmazione Mio Duce ti scrivo di Massimo Martella (Istituto Luce-Cinecittà), con al centro un carteggio di missive d’amore a Benito Mussolini e testimonianze di fedeltà al regime fascista.

‘Mio duce ti scrivo‘ di Massimo Martella, che passerà al festival giorno 14 giugno, è interpretato da quattro attori e contiene la testimonianza di Andrea Camilleri, che a soli dieci anni scrive al Duce mostrando la sua voglia di menare le mani in Abissinia.

Messaggi d’amore, dunque, di fedeltà al regime, denunce, torti e richieste di aiuto finanziario, ma anche lettere da parte delle suore e perfino quella di una pop star, con parole che raccontano la passione italiana per un leader carismatico e che talvolta chiedono risposte a un solo uomo.

In queste lettere, tanta fede e devozione per Mussolini, e tra i mittenti, anche scrittori e analfabeti, lavoratori e soldati al fronte. Insomma, uno spaccato, questo, della macchina propagandistica del regime di Mussolini.

Mio Duce ti scrivo, è scritto e diretto da Massimo Martella, letture di Cristina Ginevra Arnone,  Anna Ferruzzo,  Josafat Vagni, Massimo Wertmuller. Musiche di Alessandra Celletti, direttore della fotografia  Tarek Ben Abdallah, operatore  Fabio Paolucci, fonico di ripresa Andrea Viali, montaggio Maria Iovine, Luca Onorati, voce narrante Saverio Indrio, produzione esecutiva Maura Cosenza, ricerche d’archivio Nathalie Giacobino, mix Andrea Malavasi – Sound On Studios .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *