10° Galà dello Sport: Trecastagni ai vertici dello sport siciliano

La serata organizzata da Sicilpool ha visto alternarsi sul palco tanti ospiti di prestigio, da Martina Miceli a Fabio Pagliara, fino a Orazio Arancio e Andrea Lo Cicero. Ennesimo capolavoro di Pippo Leone e dell’amministrazione comunale di Trecastagni

Splendida serata quella che si è svolta ieri sera al teatro Comunale di Trecastagni, in occasione della 10° edizione del Galà dello Sport – “La Castagna d’Argento”. Grazie al lavoro dell’infaticabile Pippo Leone e dell’amministrazione comunale di Trecastagni, anche quest’anno è stato possibile ospitare personalità di spicco dello sport nazionale e internazionale, rigorosamente di origini siciliane. Davanti a una platea stracolma il presentatore Ruggero Sardo, accompagnato da Martina Leone, ha avuto il compito di intrattenere i presenti e chiamare gli ospiti sul palco.

L’evento è stato aperto da una doppia esibizione canora di Nicol, giovane cantante milanese che ha intrattenuto il teatro durante tutta la durata della premiazione, affiancata talvolta dalle ragazze di Danzamica. Subito dopo le canzoni di Nicol momento di grande commozione per tutti i presenti, dovuta alla proiezione del video riguardante il terribile infortunio di Derek Redmond nella finale dei Giochi Olimpici di Barcellona del 1992.

Dopo aver riportato i saluti del presidente del CONI Giovanni Malagò e le parole del sindaco di Trecastagni Giovanni Barbagallo, Sardo ha chiamato sul palco la Polisportiva Canottieri Catania, a cui è andata la prima “Castagna” della serata. Gli altri premiati sono stati il giovane Alfio Andrea Spina, già campione italiano di Kart a soli 9 anni, la pallavolista Giovanna Tomaselli, la due volte campionessa del mondo di spada Rossella Fiamingo (in entrambi i casi le “castagne” sono state ritirate dai padri delle atlete, assenti per motivi sportivi), il consigliere nazionale CONI e presidente del comitato Rugby Sicilia Orazio Arancio, la pallanuotista Martina Miceli, medaglia d’oro alle Olimpiadi di Atene 2004 e attuale allenatrice dell’Ekipe Orizzonte, il segretario nazionale Fidal Fabio Pagliara, il tecnico di atletica leggera Tommaso Ticali e, soprattutto, il barone del rugby Andrea Lo Cicero, ex Amatori Catania con oltre 100 caps in Nazionale maggiore. Premio speciale invece per i giornalisti Marco Carli e Maria Cristina Petralia e per l’appuntato scelto dei Carabinieri Angelo Alessi,  Non sono mancati poi i ringraziamenti dell’assessore regionale allo sport Anthony Barbagallo e degli assessori allo sport del Comune di Catania e di Trecastagni, Valentina Scialfa e Mirko Vecchio.

Essere premiato nella propria terra è la cosa più bella che possa esistere – ha dichiarato Lo Cicero ai nostri microfoni -. Lo sport vive un momento difficile, un po’ come tutto in questo periodo. Lo sport è come la cultura, urgono dei cambiamenti ma con la volontà di farli tutti insieme sarà più facile ritrovare tutto ciò che è bello”.

Della stessa opinione anche Orazio Arancio, che si è poi concentrato sulle società locali che non investono più sui giovani: “Fin quando c’erano coesione e contributi, il mondo dello sport ha vissuto momenti d’oro qui in Sicilia. Ultimamente sono venuti a mancare, per scelte discutibili della Regione, per questo motivo ne hanno risentito le società sportive che potevano fare attività serie, di base per i ragazzi. Se manca il tessuto imprenditoriale, soprattutto in un arco di tempo così breve, allora la crisi delle società di base è inevitabile”.

Un altro grande traguardo per Trecastagni e soprattutto per Pippo Leone che, dopo il successo delle 30 edizioni della Treccastagnistar e, recentemente, dei campionati Assoluti e Giovanili, si assicura nuovamente alti numeri di consensi tra gli addetti ai lavori e non: “Quest’anno abbiamo fatto un grande sforzo, il comune ha collaborato attivamente con la Sicilpool e spero che questa sinergia possa continuare in futuro. Qui potranno sempre contare su di me, tutti ne sono a conoscenza”.

Si è intrattenuto con noi anche l’assessore Mirko Vecchi, che si è detto orgoglioso di come Trecastagni sia riconosciuta come città dello sport in Sicilia: “Dobbiamo dire grazie alla Sicilpool e a Pippo Leone. Tantissima gente da tutta Italia ha conosciuto la nostra città e quella di stasera è la ciliegina sulla torta di un anno davvero importante, per noi ma anche per la Sicilia intera. La presenza di tanti campioni dimostra il grande lavoro fatto e che, spesso, i sacrifici portano a risultati concreti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *