Calcio Catania, Lucarelli: “Con il pubblico siamo nuovamente in simbiosi”

In sala stampa, presso la struttura di Torre del Grifo Village, si è svolta la consueta presentazione del match da parte dell’allenatore rosso-azzurro

84264670_2763134297056241_6328613411345137664_o

Queste in sintesi le parole del tecnico etneo alla vigilia del match casalingo contro la compagine umbra.

“La Ternana è una squadra forte con ottimi calciatori e ben allenati. A me piace moltissimo come rosa e anche a livello di valori singoli. Hanno nomi importanti in tutti i settori del campo e insieme ai nostri Furlan e Martinez hanno il miglior portiere della categoria. Anche se non vincono da fine gennaio, non li possiamo considerare come un gruppo in difficoltà, anche perché hanno avuto contro di noi i due turni infrasettimanali della Coppa Italia, quindi è normale che abbiano rallentato un po’. Io paradossalmente preferisco sempre incontrare le squadre in piena forma piuttosto che quelle che hanno voglia di rivalsa dopo qualche passo falso.
Sui singoli, per me Mazzarani non è in difficoltà e ci può stare qualche partita non al top. Lui, insieme a Curiale (appena sarà al 100%) sarà uno dei punti fondamentali di questa squadra. Poi vorrei anche dire che sicuramente ci sarà attenzione da parte della terna arbitrale nei confronti di Mbende, perché in queste ultime settimane potenzialmente c’era un calcio di rigore ad ogni calcio d’angolo o palla inattiva in favore nostro.
Sul gruppo, dobbiamo essere bravi a saper lavorare in ogni settore, perché se una squadra subisce tanti gol, non significa che la colpa sia sempre della difesa. La Ternana stessa, nostra avversaria di domani, anche se ha uno dei migliori reparti offensivi della categoria sta avendo qualche difficoltà ad andare in gol in questi ultimi week-end. Sugli ultimi arrivati, Vicente e Salandria, insieme a Curcio (anche se quest’ultimo non ha ancora i novanta minuti sulle gambe) sono ragazzi che stanno giocando bene a centrocampo e ci daranno un grande aiuto da ora a fine stagione. Su Barisic, non mi è piaciuto nell’ultima partita perché è entrato impaurito di essere fischiato, ma so che può dare molto e io credo ancora in lui. Se ha giocato in B a Padova fino allo scorso anno, un motivo sicuramente ci sarà. Su Belec, invece, sta seguendo i codici che sto cercando di far percepire durante gli allenamenti per permettergli di mettere in difficoltà le difese avversarie.
Con i tifosi adesso ci stiamo sentendo in simbiosi. Come se fossimo tornati nel vecchio calcio di una volta, con un clima di solidarietà tra tifoseria e squadra. Questo è bello nonostante ciò che sta accadendo al di fuori del campo. Adesso è tutto più rilassato e c’è una bella complicità da tutte le parti.
Tornando sulla partita, sarà un match tutto da scoprire. Loro vorranno farci vedere che non sono quelli del ritorno di coppa e sarà una gara bella tosta. Noi non abbiamo più nulla da perdere, come detto già da più settimane, prima di pensare anche a un’ipotetica fase Play-off, dobbiamo pensare a salvarci”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *