Calcio Catania, anche con la Reggina si chiude a reti inviolati

0-0 tra rosso-azzurri e amaranto nel pomeriggio del Massimino. La capolista non brilla e gli etnei non riescono a essere ancora abbastanza cinici

86695365_2750931594943178_652517308786278400_o

Termina 0-0 tra Catania e Reggina nel match più atteso di quest’ultimo turno del Girone C di Serie C. Buona prestazione per i ragazzi etnei, ma ancora carenza di gol in fase offensiva dove nessuno riesce a marcare più il tabellino. Ai rosso-azzurri servono i gol per tornare a svoltare in questa stagione.

PRIMO TEMPO
Buon avvio per i ragazzi di Cristiano Lucarelli. Il match dopo poche battute di gara sembra mettere in risalto la buon a prestazione da parte dei padroni di casa. Vicente al quarto minuti ha subito la possibilità di sbloccare la gara con un tiro dai ventisette metri che sfortunatamente per il numero 4 etneo si infrange sulla traversa di Guarna. Al nono minuto è Silvestri ad avere la seconda possibilità per portare avanti i rosso-azzurri su di un colpo di testa da posizione di calcio d’angolo, ma sfera termina tra le braccia dell’estremo difensore amaranto. La Reggina prova a sfruttare le ripartenze con Sounas, schierato alle spalle del duo Denis-Corazza, ma Mbende e SIlvestri sono attenti a non far creare superiorità numerica agli ospiti negli ultimi sedici metri. L’andamento resta lo stesso per tutto il corso dei primi quarantacinque minuti e non si concretizzano grossi pericoli in nessuna delle due trequarti campo. Primo tempo che si chiude 0-0 con le due squadre a riposo dopo ulteriori due minuti di recupero concessi dalla terna arbitrale.

SECONDO TEMPO
Andamento più lento e impacciato nell’inizio del secondo tempo di Catania-Reggina. Il ritmo delle due squadre sembra calare drasticamente nel corso delle prime battute della seconda frazione di gioco. Il Catania prova a sbloccarla dopo soli due minuto su calcio d’angolo, ma per l’arbitro c’è un fallo in attacco che non permette di terminare l’azione ai padroni di casa. Lucarelli prova a mischiare le carte all’ora di gioco inserendo sul terreno di gioco Curcio e Barisic al posto di Mazzarani e Di Molfetta. Col passare dei minuti le due squadre si abbassano sempre di più nella propria metà campo rallentando drasticamente il corso del secondo tempo. Al trentacinquesimo minuto è la Reggina a rendersi particolarmente ostica da calcio d’angolo con Garufo, il quale con un tiro al volo cerca di far male a Furlan. A due minuti dalla fine espulsi Rizzo e Gasparetto da parte del direttore di gara, a causa di un’accesa discussione tra il calciatore rosso-azzurro e il giocatore amaranto. Nel finale non accade più nulla e la gara si conclude a reti inviolate.
Etnei che torneranno nuovamente al Massimino già domenica prossima dove affronteranno, a meno di quattordici giorni di distanza, nuovamente la Ternana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *