Marecamp, orche avvistate nello Stretto di Messina

Protagonista un piccolo #pod composto da 3 #orche (specie ℴ), tra cui un maschio adulto, avvistato ieri pomeriggio nello #StrettoDiMessina in probabile attività di alimentazione e in seguito in avvicinamento all’imbarcazione del fortunato messinese.

9c75417632340fad7a8c841dc13072da
Pur non avendo immagini ad alta risoluzione per poter confrontare al meglio le pinne dorsali degli animali, è molto probabile che si tratti delle stesse orche islandesi (Orca Guardians Iceland) che per giorni hanno sostato davanti #Genova (Tethys Research Institute, Menkab: il respiro del mare). Preoccupa vedere mancare all’appello il quarto individuo, ma c’è chi dice di averne visti proprio 4 lo stesso pomeriggio nello Stretto (@Fausto Massimo) e noi speriamo tanto che future segnalazioni possano confermarlo.
Questa mattina il team dell’associazione Marecamp Onlus sarà impegnato nella sua consueta attività di monitoraggio nelle acque antistanti #Catania e si manterrà in continuo contatto con le autorità portuali locali (Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera), due biologi marini dell’associazione osserveranno invece lo Stretto di #Messina da terra per poter segnalare il pod qualora fosse ancora nelle vicinanze. Confermare che si tratti delle stesse orche di Genova, aggiungerebbe un importante tassello per comprendere le motivazioni che hanno spinto fin qui questa specie tanto rara per il #Mediterraneo e accertarsi se stanno facendo finalmente rotta verso Gibilterra o meno.
Raccomandiamo a tutti i naviganti, qualora dovessero avvistare #balene e #delfini, di rispettare il codice di buona condotta per l’osservazione dei cetacei (Accobams Dolphins-Whales) e di la loro presenza aiutando così la ricerca e la tutela di questi mammiferi marini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *