Lavoro e SM: gli esperti rispondono

Le difficoltà nell’accesso al mondo del lavoro dopo una diagnosi di sclerosi multipla.

image003

Si terrà il prossimo 14 dicembre alle 17 presso Le Dune Sicily Hotel l’incontro informativo sulla sclerosi multipla e il mondo del lavoro. L’avvocato Manfredi Zammataro e il medico legale, nonché presidente della Commissione invalidità dell’Asp di Catania, Giuseppe Grasso illustreranno le difficoltà nel mantenimento del lavoro o nella ricerca di uno nuovo in seguito ad una diagnosi di sclerosi multipla.
Basti pensare che più di una persona con sclerosi multipla su due (52%) non ha un lavoro. Questo la dice lunga, soprattutto in ragion del fatto che si tratta di una malattia a prevalenza giovanile: infatti, l’esordio si ha prevalentemente tra i venti e i quarant’anni di età. Più della metà delle persone lavorativamente inattive ha lasciato il lavoro a causa della sm.
Tra chi, invece, lavora il 10% ha subito demansionamento, più di una persona su quattro è stata costretta a cambiare tipologia di lavoro a causa della sclerosi multipla (27%); mentre una persona su tre nel corso del proprio percorso professionale esprime l’esigenza di passare al part-time.
Secondo i dati contenuti all’interno del rapporto del dipartimento per gli Affari economici e sociali dell’Onu, l’incidenza di persone al di sotto della soglia di povertà è più alta tra i disabili. Inoltre, anche il rischio di isolamento ed emarginazione risulta potenziato in presenza di disabilità. Queste, dunque, sono solo alcune delle ragioni per cui trovare un lavoro e riuscire a mantenerlo diventa particolarmente importante. In questi casi, gioca un ruolo chiave anche la corretta compilazione dell’accertamento dello stato di disabilità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *