Nave italiana attaccata da pirati nel Golfo del Messico

Attacco di un commando di 7-8 pirati nel Golfo del Messico contro la ‘Remas’, una nave di rifornimento per le piattaforme petrolifere offshore

2019_remas_nave_italiana

Hanno assaltato la nave di notte a bordo di due barchini veloci e, dopo essere saliti sull’imbarcazione, hanno aperto il fuoco contro l’equipaggio, derubandolo di quanto possibile e ferendo due uomini. Un commando di 7/8 pirati ha assaltato la motonave italiana “Remas” nel Golfo del Messico, sulla quale si trovavano 35 persone.

La Remas è lunga 75 metri e con un tonnellaggio di 2.600 tonnellate costruita nel 2011 in Turchia e in navigazione con bandiera italiana.

La nave mercantile è stata scortata dalla guardia costiera locale fino al porto di Ciudad del Carmen. Ad attendere al porto l’imbarcazione c’erano le forze di polizia ed il personale medico allertato per le cure ai due marinai feriti.

Il blitz dei pirati sul mercantile italiano della Micoperi è durato una decina di minuti e due italiani sono rimasti feriti in maniera non grave. I due feriti sono Andrea Di Palma, 42 anni, ravennate, e Vincenzo Grosso, di Molfetta.  

Uno dei due feriti italiani è stato colpito da un oggetto contundente alla testa, l’altro da un colpo d’arma da fuoco al ginocchio.

nave-remas-2019-web

La polizia messicana si sta occupando adesso di interrogare i testimoni per cercare di identificare gli assalitori. A seguire da vicino le indagini ci sono anche le autorità italiane che si interfacciano con quelle locali grazie all’interessamento dell’ambasciata italiana di Città del Messico. La conferma dell’accaduto è stata data anche dalla Farnesina che si occupa di fornire le informazioni sulle condizioni di salute dei cittadini italiani alle famiglie.

Micoperi è una società appaltatrice che opera da quasi 70 anni nel settore offshore petrolifero. Micoperi ha la sede principale in Italia e filiali in tutto il bacino del Mediterraneo, in Africa Occidentale e America Centrale.
Le attività principalmente dalla sua flotta sono: installazione di strutture sottomarine, posa di tubazioni rigide, lavori subacquei in fondali alti e bassi, recuperi e noleggio di mezzi navali.

Non è la prima volta che un’imbarcazione del gruppo italiano Micoperi, con sede a Ravenna viene presa di mira da gruppi armati: dieci anni fa, l’11 aprile 2009, la ‘Buccaneer’ venne assaltata al largo della Somalia e i 16 membri dell’equipaggio furono presi in ostaggio per 4 mesi. La liberazione avvenne il 10 agosto, dopo un lungo lavoro diplomatico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *