Calcio Catania, torna un Lucarelli più carico che mai

A Torre del Grifo Village torna Cristiano Lucarelli, l’allenatore capace di portare il Catania al secondo posto con settanta punti in classifica nella stagione 2017/2018. Tanta voglia di far bene per il tecnico livornese e tanta grinta per riportare il club rosso-azzurro dove merita. 

1

Presentazioni in casa Catania quest’oggi. In sala conferenze, infatti, l’amministratore delegato della società etnea Pietro Lo Monaco ha presentato il “nuovo” tecnico rosso-azzurro ai giornalisti. Queste in sintesi le dichiarazioni di Cristiano Lucarelli e dell’AD Lo Monaco.

Lo Monaco: “Un ritorno, questo, tra l’altro in un momento critico per la nostra squadra. Non possiamo dire di essere contenti perché quando si cambia un tecnico non è mai una cosa buona per un club. La partita contro la Vibonese è stata da “non classificato” in termini scolastici. Qui Lucarelli ha fatto benissimo, ha sfiorato la B a più riprese e ci sembrava la soluzione più giusta per ricominciare. Il momento non e’ dei migliori siamo felici di aver ripreso un discorso che abbiamo interrotto due anni fa e speriamo che questa volta giunga a conclusione. Quello di quest’anno è stato un rullino di marcia troppo strano con troppe sconfitte in trasferta ed un rendimento diverso in casa. Con Lucarelli speriamo di tornare a prenderci le giuste soddisfazioni”.

Lucarelli: “E’ un piacere ritrovarvi. Come detto dal direttore quando c’è un allontanamento da parte di un tecnico e’ sempre un dispiacere. Per me Catania è come un cordone che non si e’ mai staccato. Ringraziamo la società per questa nuova opportunità e speriamo di toglierci delle grosse soddisfazioni. Sappiamo che è una situazione difficile ma non si può dire di no al Catania e non si possono voltare le spalle a questa società. Io non mi sento mago Merlino, non ho la bacchetta magica ma spero di fare bene e riportare il Catania a scalare questo campionato. Questo è il momento in cui ognuno deve portare un mattoncino per andare avanti e bisogna trovare una simbiosi totale per risollevare i risultati di questo club. Ho trovato dei ragazzi vogliosi di ripartire. Ho chiesto alla squadra massima disponibilità ed onesta’ e se qualcuno ha staccato la spina deve avere serietà di venire da me e dal direttore e dircelo senza alcun timore. Il nostro obiettivo è quello di ricreare le condizioni per riavvicinarsi ai primi posti della classifica. Ogni situazione incompresa deve essere risolta e se qualcuno non ci sta non può fare parte di questo gruppo. Il Cosenza di due anni fa insegna a tutti che le rimonte sono possibili e questa è una piazza dove si può concretizzare la stessa vicenda che ha portato i rossoblu in cadetteria due anni fa. Noi siamo il Catania e ci possiamo riuscire. Si deve ritrovare quella serenità’perduta per tornare a vincere e scalare la classifica. Mi sono fatto un’idea di massima sulla squadra dalla TV perché essendo arrivato solo oggi ho ancora tanto da vedere in prima persona. Se questi ragazzi liberano la testa possono fare grandi cose. Bisogna vivere alla giornata e pensare prima a stare bene mentalmente. Noi in questo momento dobbiamo fare una scelta sia su come sono pronti i ragazzi, sia sull’infermeria che attualmente è molto numerosa. Noi tecnicamente abbiamo una grande rosa ma dobbiamo essere capaci di dare il cento per cento. Abbiamo già qualche idea su cosa sistemare, ma ribadisco sempre che prima si devono risolvere i problemi nella testa dei giocatori. Avere alcuni giocatori che già facevano parte del mio gruppo due anni fa può essere un vantaggio per queste due gare settimanali perché molto probabilmente ripartiremo da loro, ma ovviamente con tre allenamenti per due partite sara’ tutto da vedere”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *