R.i.p. Raffaele Pisu conduttore e comico televisivo

Lutto nel mondo dello spettacolo. E’ morto all’età di 94 anni l’attore comico Raffaele Pisu

15645672711106-YT_Raffaele_Pisu

Il popolare personaggio televisivo era nato a Bologna il 24 maggio 1925. Da tempo era ricoverato nell’hospice di Castel San Pietro Terme, in provincia di Bologna, per una malattia.

Tra alti e bassi nella sua carriera sono state molte le incursioni televisive, come nelle fiction “Non ho l’età”, “Don Matteo 6” e “Marameo”. Nel 1990-1991 ha condotto con Ezio Greggio il tg satirico di Antonio Ricci “Striscia la notizia”.

Uno dei più popolari comici, decani del mondo del doppiaggio nostrano e conduttori radiofonici e televisivi nell’Italia dell’immediato dopoguerra, partecipando a trasmissioni di grande successo nazionale degli Anni Sessanta come “L’amico del giaguaro”, “Ma che domenica amici” e “Senza rete”.

cropped-raffaele-pisu-e-morto

Pisu poteva passare dalla recitazione di ruoli drammatici ad animare Provolino, celebre pupazzo televisivo per i bambini degli Anni Settanta.

Ex partigiano, durante la seconda guerra mondiale venne imprigionato per 15 mesi in un campo di concentramento tedesco; nel 1965 fu uno dei protagonisti del capolavoro cinematografico “Italiani brava gente” di Giuseppe De Santis.

Al cinema – dove ha lavorato in 37 film – tornò con “Le conseguenze dell’amore” del futuro Premio Oscar Paolo Sorrentino nel 2004, mentre la sua ultima apparizione da protagonista è stata nella commedia noir “Nobili bugie” del 2018 accanto a Claudia Cardinale e Giancarlo Giannini con il figlio Antonio Pisu alla regia e il figlio naturale, scoperto solo pochi anni prima, Paolo Rossi come produttore con la Genoma Films.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *