Francesco Mattina manager del tonno e dello sgombro

Il tonno rosso “di corsa” Punta del Rais è iscritto in banca dati farmaci come prodotto parafarmaceutico ad uso umano

26167086_1788607494497043_632298078356426794_n

Intervista al manager di   Partinico Francesco Mattina; una storia fatta di passioni!

Come e’ nata l’idea di conservare il pesce con l’aroma del legno del castagno?

“La nostra storia è strettamente legata alla tradizione della lavorazione del tonno rosso e dello sgombro in Sicilia. Conferire qualità a prodotti lavorati a mano secondo le antiche usanze siciliane è stata la via maestra che abbiamo voluto percorrere. Sono nati così diversi marchi di prodotti, il marchio Mattina fatto solo di tonno rosso e di sgombro attentamente selezionato , il marchio A.D. 1340 Tonnara dell’Orsa richiama una storia che ci appartiene ed è nato in onore dell’antico baglio benedettino affacciato sul mare di Punta Raisi, Il Marinaretto invece è un marchio dedicato al caratteristico borgo marinaro di Trappeto. Il marchio Punta del Rais rappresenta l’eccellenza della nostra produzione: un alimento funzionale che sfrutta le proprietà benefiche e curative del tonno rosso “di corsa” ed è solo venduto nelle farmacie e parafarmacie”

Dove e’ ubicata la TONNARA DELL’ORSA?

“Un baglio benedettino affacciato sul mare nei pressi di Punta Raisi, qui sorge la Tonnara dell’Orsa gestita dai monaci benedettini di San Martino delle Scale dal 1382 come patrimonio della Chiesa per ben 5 secoli. E’ il 1593 quando la tonnara viene restaurata ed ingrandita, con i suoi 7 secoli di storia, la Tonnara dell’Orsa è oggi uno dei bagli più antichi di Sicilia. Dall’idea di ridare lustro a questa storia è nato il brand “A.D. 1340 Tonnara dell’Orsa”.

Quali sono i vostri marchi?

“Mattina”, “A.D. 1340 Tonnara dell’Orsa”, “Il Marinaretto”, “Don Nzulu” e “Punta del Rais” sono i nostri marchi. Per ogni marchio da sempre cerchiamo e selezioniamo i pesci migliori e materie prime eccellenti come l’olio di oliva e il sale rigorosamente marino. La qualità dei nostri prodotti si coglie prima a colpo d’occhio e poi con il palato”.

Il tonno rosso contiene la piu’ alta percentuale di grassi buoni cioe’ OMEGA TRE: Ci potrebbe spiegare a cosa servono?

“Una preziosa qualità di tonno,  il tonno rosso “di corsa”, che contiene la più alta percentuale di Omega-3, “grassi buoni” a lunga catena. Il suo consumo abituale rappresenta il primo passo di un percorso di prevenzione a tutela della propria salute. Il tonno rosso “di corsa” è un prodotto parafarmaceutico ad uso umano. Questa preziosa qualità di pesce contiene infatti un’alta percentuale di Omega-3, “grassi buoni” a lunga catena. E un suo consumo abituale rappresenta il primo passo di un percorso di prevenzione a tutela della propria salute, in quanto apporta al nostro organismo circa 250-500 mg di EPA e DHA al giorno (corrispondente a due porzioni settimanali di tonno rosso “Punta del Rais”), acidi in grado di ridurre il rischio d’insorgenza di malattie cardiovascolari del 25% e, in particolare, il rischio di infarto coronarico (-15%). Punta del Rais – Codice AIC: 924961699 – Codice EAN: 8032774330627″

image001

In cosa cosa consiste  e perche’ mettere il pesce in salatura  dentro botti di castagno, legno prezioso dalle preziose virtu’?

“È noto che già nell’antica Roma, la salagione delle acciughe in botti di legno fosse il miglior metodo di conservazione del pesce.

“Rifacendosi a quella che fino al secolo scorso era pratica abituale anche in Sicilia, l’azienda Nutritalia di Trappeto, in provincia di Palermo, ha ben pensato di riproporla ai giorni nostri. Nata nel 2017 (proseguendo il know how di un’altra esperienza imprenditoriale), grazie all’intuizione di Francesco Mattina e con lo scopo di valorizzare la materia prima attraverso lavorazioni a mano che appartengano alla storia della Sicilia, l’azienda conserviera non poteva lasciarsi sfuggire l’occasione per re-immettere sul mercato un prodotto così trattato che raccontasse, non solo il proprio territorio di appartenenza, ma la tradizione ad esso legata. “Il pesce sotto sale – spiega Mattina – è stato la principale fonte di sostentamento di marinai e agricoltori per secoli ed è grazie a questo metodo di conservazione se era possibile commercializzarlo anche nelle terre più lontane. Noi abbiamo deciso di riprendere questo tipo di salagione che si era perso il secolo scorso per l’avvento prima del ferro e poi della plastica e dell’acciaio, principalmente per le caratteristiche organolettiche che dona al prodotto. Il pesce così trattato, infatti, presenta particolari profumi e aromi, oltre ad un sapore tendente all’affumicato. Il legno delle nostre barrique è di castagno tostato, ovviamente non trattato nel pieno rispetto delle norme igieniche, e dagli esperimenti fatti ci siamo accorti che più matura e più dona al prodotto un gusto particolare. Gusto che varia anche al variare dei tempi di stagionatura”.

Questo tipo di salagione varia a seconda della tipologia del prodotto ittico. Per sarde, acciughe e alacce, il pesce fresco intero non eviscerato viene dapprima spolverato di sale marino fino e poi posto nelle botti su più livelli alternato a strati di sale marino grosso. Giunti alla bocca della barrique, viene posto il coperchio sempre in legno di castagno su cui sono posizionati, per garantire la compressione, pesi in marmo da circa 30-35 chili che via via, con lo scorrere del tempo, vengono sostituiti da pesi più leggeri. Una volta raggiunta la maturazione, il pesce viene sfilettato e inscatolato o posto nei vasetti, a seconda dei casi. La salagione di sgombro e tonno invece, trattandosi di pesci di dimensioni maggiori, varia nella fase iniziale: si procede all’eviscerazione e, nel caso dello sgombro, viene posto in botte intero. Il tonno, invece, viene tagliato a tronchi con tutta la pelle. In tutti i casi, il pesce rimane nelle botti dai 3 ai 4 mesi nei periodi più caldi, almeno 30 giorni di più in quelli più freddi. Anche i locali dove sono poste le barrique sono stati scelti non a caso. Si tratta infatti di un’area dello stabilimento rialzata ed esposta alla brezza marina, caratteristica che esalta ulteriormente il sapore del pesce”

Quando sara’ distribuita ai consumatori la  vostra produzione recente ?

“Di recente è partita la prima produzione che sarà pronta già a maggio. Si tratta di 20 botti con capienza di stoccaggio di 300 chili a botte. Si è deciso di partire con lo sgombro che, insieme al tonno, è il pesce con la cui lavorazione nasce l’azienda, ma si pensa già ad inserire acciughe o alacce, a seconda di quello che il mare donerà. “Abbiamo previsto che nell’arco di un anno arriveremo a raddoppiare se non a triplicare la produzione. – continua Mattina – C’è già molta richiesta perché, essendo, credo, l’unica azienda siciliana ad avere recuperato questo trattamento, abbiamo suscitato molto interesse, specie nei negozi che commercializzano prodotti di nicchia e nella piccola distribuzione. Appena il prodotto sarà pronto per essere messo in commercio, contatteremo anche i ristoratori.” Una cosa però è chiara: il prodotto non finirà nella grande distribuzione organizzata. Non per una questione di “snobismo” ma per dare ancor di più una connotazione di qualità a chi ne fruirà”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *