A Villa San Saverio “Enoch Arden” di Tennyson con Cammalleri e Laviano e il pianoforte di Francesco Nicolosi

Il concerto, che si terrà mercoledì 10 luglio, alle 21, nella Corte di Villa San Saverio (via Valdisavoia, 9), avrà come protagonisti gli attori Lucia Cammalleri e Silvio Laviano; siederà al pianoforte Francesco Nicolosi, direttore artistico dell’ente lirico etneo.

Laviano
L’uomo e il mare. È questo l’orizzonte di attesa di Enoch Arden, il marinaio protagonista dell’omonimo melologo per voce e recitante e pianoforte, su testo di Alfred Tennyson e musiche di Richard Strauss, capitolo tra i più attesi della rassegna “Il Bellini nel Barocco – Poesia in Musica”, varata dal Teatro Massimo Bellini di Catania e dal Teatro Stabile di Catania in collaborazione con la Scuola Superiore di Catania (“Estate a Scuola”) e con il contributo dell’istituto bancario Creval nell’ambito della programmazione di “Porte aperte Unict 2019 – L’Università nella città”.
Il concerto, che si terrà mercoledì 10 luglio, alle 21, nella Corte di Villa San Saverio (via Valdisavoia, 9), avrà come protagonisti gli attori Lucia Cammalleri e Silvio Laviano; siederà al pianoforte Francesco Nicolosi, direttore artistico dell’ente lirico etneo.
Cammalleri
Enoch Arden è considerato come uno dei capolavori della letteratura tardo-romantica dell’età vittoriana. Venne licenziato da Tennyson nel 1864, anno di nascita di Richard Strauss, e musicato nel 1896, mentre il musicista attendeva alla composizione del più celebre poema sinfonico Don Quixote. Ultimato nel febbraio dell’anno successivo, venne dedicato all’attore Ernst von Possart, primo interprete dell’opera insieme al musicista. Si tratta infatti di un melologo che alterna parti recitate a interventi musicali, che punteggiano e commentano il racconto: si narra infatti la triste storia di Enoch Arden, un marinaio che, dopo esser naufragato e aver trascorso dieci anni su un’isola deserta, fa ritorno a casa e scopre che la moglie, Annie, si è risposata con il suo antico rivale Philip. È, insomma, la storia di un ‘cuore infranto’, come all’epoca si amava definire questi personaggi, ai quali Strauss collega una trama di temi conduttori, uno per ciascuno dei tre personaggi oltre al mare, che costituisce lo sfondo dell’intera, tragica vicenda.
Francesco Nicolosi
Brano di forte impatto drammatico, è stato appannaggio di fini dicitori e grandi protagonisti delle scene liriche, da Dietrich Fischer-Dieskau a Jon Vickers, da Gwyneth Jones a Brigitte Fassbaender, mentre la parte pianistica è stata interpretata da grandi della tastiera del calibro di Glenn Gould, Marc-André Hamelin e Emanuel Ax. Nell’attesa serata di Villa San Saverio il poema di Tennyson verrà interpretato da Lucia Cammalleri (nota al pubblico catanese per Diceria dell’untore, allo Stabile nel 2009 per la regia di Vincenzo Pirrotta, e a quello palermitano per Riccardo III non s’ha da fare, nel 2011, nella produzione di Beno Mazzone) e da Silvio Laviano (di recente nei Sei personaggi in cerca d’autore di Michele Placido, oltre a esperienze precedenti al Nuovo Teatro Nuovo di Napoli e al Teatro di Genova e al Coriolano di Roberto Cavosi). Pianista d’eccezione sarà Francesco Nicolosi, direttore artistico del Teatro Massimo Bellini di Catania dal gennaio del 2015, allievo della prestigiosa scuola pianistica napoletana di Vincenzo Vitale, presidente del Centro Studi Internazionale dedicato a Sigismund Thalberg e direttore artistico, tra gli altri, del Festival “Jeux d’art a Villa d’Este” di Tivoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *