Ligabue in concerto allo Stadio San Filippo di Messina

Mancano solo pochi giorni allo “START TOUR 2019” che vedrà LIGABUE in concerto nei principali stadi d’Italia con un grande show, a partire dallo Stadio San Nicola di Bari il 14 giugno.

LIGABUE_START TOUR 2019_locandina_a

Mancano solo pochi giorni allo “START TOUR 2019” che vedrà LIGABUE in concerto nei principali stadi d’Italia con un grande show, a partire dallo Stadio San Nicola di Bari il 14 giugno.

Con lui sul palco LUCIANO LUISI (tastiere, cori), MAX COTTAFAVI (chitarre), FEDERICO POGGIPOLLINI (chitarre elettriche, cori), DAVIDE PEZZIN (basso) e IVANO ZANOTTI (batteria, percussioni).

Queste le date del tour, prodotto da Riservarossa e Friends & Partners:

14 giugno – Bari – STADIO SAN NICOLA;

17 giugno – Messina – STADIO SAN FILIPPO;

21 giugno – Pescara – STADIO ADRIATICO;

25 giugno – Firenze – STADIO ARTEMIO FRANCHI;

28 giugno – Milano – STADIO SAN SIRO;

2 luglio – Torino – STADIO OLIMPICO;

6 luglio – Bologna – STADIO DALL’ARA;

9 luglio – Padova – STADIO EUGANEO;

12 luglio – Roma – STADIO OLIMPICO.

Attualmente è in radio “POLVERE DI STELLE”, il nuovo singolo di LIGABUE estratto da “START”, dodicesimo disco d’inediti della sua carriera, già certificato platino (dati diffusi da FIMI/GfK Italia) e disponibile nei negozi tradizionali, in digital download e sulle piattaforme streaming.

È online anche il video di “Polvere di stelle”, per la regia di Paolo Monico e la produzione di CrossMediaFilms (Marco Salom).

Questa la tracklist del disco “START” (Zoo Aperto/F&P Music Hub/Warner Music), prodotto da Federico Nardelli: “Polvere di stelle”, “Ancora noi”, “Luci d’America”, “Quello che mi fa la guerra”, “Mai dire mai”, “Certe donne brillano”, “Vita morte e miracoli”, “La cattiva compagnia”, “Io in questo mondo”, “Il tempo davanti”.

Biografia

Artista poliedrico, impegnato nella letteratura e nel cinema, è l’altra faccia del rock italiano, di cui è un assoluto protagonista da quasi un ventennio.
Emiliano di Correggio, in provincia di Reggio Emilia, nella sua terra muove i primi passi con la chitarra, prendendo ispirazione nei testi ed esibendosi in un gruppo locale, gli “Orazero”. Lanciato da Pierangelo Bertoli, nel 1990 pubblica il primo LP, “Ligabue”, da cui trae il singolo Balliamo sul mondo?, che vince il “Festivalbar Giovani”.

Il 1995 è l’anno della svolta Buon compleanno, Elvis che ottiene 70 settimane di permanenza in classifica degli album più venduti. Da qui escono alcuni dei più noti cavalli di battaglia, su tutti Certe notti, che ottiene il premio Tenco per la miglior canzone dell’anno.

Nel frattempo si fa apprezzare come regista, grazie al successo del film Radiofreccia, che gli vale due David di Donatello per il “miglior regista esordiente” e la “migliore colonna sonora” e tre Nastri d’Argento. Uno dei brani scritti per il film, “Ho perso le parole”, vince il Premio Italiano della Musica nella categoria “Miglior canzone del 1998”.

Continua con la pubblicazione di album e con i concerti in tutta Italia che registrano il sold-out. Da “Fuori come va?” (2002) a “Nome e cognome” (2005), fino al trionfo del megaconcerto all’aeroporto “Campovolo” di Reggio Emilia, dove festeggia i 15 anni di attività davanti a circa 180.000 spettatori.

Presente nel 2012 al “Concerto per l’Emilia”, per raccogliere fondi in favore delle popolazioni colpite dal sisma, due anni più tardi sale sul palco dell’Ariston per omaggiare Fabrizio De André, interpretando “Creuza de mà”, e lanciare il singolo “Per sempre”, il terzo tratto dall’album “Mondovisione” del 2013.
Nel gennaio 2018 arriva nelle sale Made in Italy, film scritto e diretto da Ligabue e interpretato da Stefano Accorsi e Kasia Smutniak.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *