All’Ex Fonderia di Palermo convegno sulla mobilità e legalità

Mobilità e legalità, se ne parla all’Ex Fonderia con l’amministrazione doganale in un pomeriggio promosso dalla Consulta delle Culture. La riflessione in una ricorrenza sentita anche dagli stranieri.

Logo Consulta

Parte dalla considerazione che, nonostante sia elevato il numero di cittadini che viaggiano da e per Palermo verso i luoghi di origine, molti di loro, per scarsa conoscenza delle norme di natura doganale, incorrono in sanzioni talvolta anche di natura penale.

Da ciò nasce il progetto “Mobilità e legalità” che darà vita all’iniziativa che la Consulta delle Culture di Palermo organizza alle 16 di giovedì 23 maggio all’Ex Fonderia Oretea della Cala. Un pomeriggio durante il quale i funzionari dell’amministrazione doganale si confronteranno con i cittadini residenti nella capoluogo siciliano sulle norme per i viaggiatori e i controlli aeroportuali come anche su quali sono i controlli e le operazioni inerenti alle merci (import ed export).

«Un’occasione speciale – afferma Ibrahima Kobena, presidente della Consulta delle Culture di Palermo – per fornire agli stranieri le informazioni utili a favorire la loro integrazione nella società. Non dimentichiamo, poi, che il 23 maggio è una data importante non solo per la città di Palermo e l’Italia tutta, ma per tutti coloro i quali credono nel  rispetto del valore della legalità, senza il quale non si può parlare di comunità solidale».

Oltre al presidente Kobena, interverranno l’assessore comunale alle Culture, Adham Darawsha, e Lucilla Cassarino, della Direzione Regionale Sicilia dell’ Ufficio delle Dogane di Palermo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *