Al Palazzo della Cultura conferenza in memoria del musicista Steve Martland

Poco dopo il Centro Magma si sposterà all’Auditorium “Emilio Greco” di Gravina per una lezione-concerto del pianista ucraino Oleh Kyryliuk (venerdì 17, ore 10) e per il concerto dell’”Italian Piano in Duet”

Steve Martland

Ancora una perla, di sicura valenza musicologica, è estratta da Davide Sciacca e incastonata nella ricca attività artistica del Centro Magma diretto da Salvo Nicotra. Martedì 14 maggio, con inizio alle ore 17 nella sala “Concetto Marchesi” del Palazzo della Cultura (via Vittorio Emanuele, 121) – in condivisione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Catania – è in programma uno dei momenti pregnanti dello “Steve Martland Memorial”, in programma in questi giorni tra Catania e Caltagirone; si tratta della conferenza tenuta dal dott. David Horne (Head of Graduate School, Royal Northern College of Music, Manchester); per l’occasione, oltre alle autorità cittadine con l’Assessore Barbara Mirabella, interverranno il dott. Tom Sykes (leader of BA in Popular Music, Liverpool City College of Arts), il prof. Davide Sciacca (musicista; ricercatore, Royal Northern College of Music, Manchester), il maestro Joe Schittino (compositore; direttore Istituto Musicale Pietro Vinci, Caltagirone), il maestro Andrea Amici (compositore; docente di Lettere) e il dott. Salvo Nicotra (direttore artistico del Centro Magma). La manifestazione, che sarà presentata dall’attrice Ornella Giusto, segue quella realizzata recentemente nel Centro calatino con l’intestazione al musicista britannico dell’auditorium dell’Istituto Musicale “Pietro Vinci” e con l’apposizione di una targa ed è inserita nel contesto di una più ampia valorizzazione e rimeditazione del lavoro di Martland anche nel nostro territorio, fortemente volute da Schittino.

È anche e soprattutto un omaggio alla memoria del grande compositore e didatta – nato a Liverpool il 10 ottobre 1954 e morto a Reading il 6 maggio 2013 – inserito nell’impegno divulgativo e formativo che il Centro sviluppa accanto a quello prettamente concertistico, convinto della funzione educativa della musica e riconoscendosi in certi valori per i quali Martland si adoperò.

Egli fu allievo in Olanda di Louis Andriessen, distinguendosi ben presto per il carattere anticonvenzionale della sua musica che suscita forti emozioni negli uditori grazie alla sapiente amalgama in cui convivono la tradizione classica ed elementi mutuati dalla musica popolare, rock e d’avanguardia. Agli allori derivati dai molti riconoscimenti (BBC, King’s Singers, Royal Liverpool Philharmonic Orchestra, Evelyn Glennie, Delta Saxophone Quartet, St. Louis Symphony) preferì, il lavoro – spesso oscuro ma intenso e gratificante – con artisti non professionisti o non provenienti da quel mondo accademico che riteneva sempre più distante dal sentire della gente.

Sviluppò innumerevoli progetti per l’educazione musicale nelle scuole a rischio (sia in patria sia all’estero) e fu sempre al fianco dei più deboli; si spese, quindi, a sostegno dei giovani (musicisti e compositori) più economicamente in difficoltà affinché potessero raggiungere risultati di prestigio, esprimersi adeguatamente e sviluppare le loro potenzialità. Di quest’impegno oggi rimane una solida istituzione, la “Sound and Music Steve Martland Bursary Fund”.

Il profilo, pur sinteticamente tracciato, fa comprendere come, dopo la prematura scomparsa, sia diventato un emblema dell’impegno sociale nell’ambiente musicale internazionale.

Interessante anche il suo rapporto con la Sicilia; nel periodo 2006 e 2007 fu, infatti, composer in residence presso l’“Etna Fest” di Catania; in tale posizione scoprì e valorizzò alcuni talenti locali (tra i quali, appunto, Joe Schittino) creando un proficuo sodalizio artistico e umano con musicisti etnei; non a caso attualmente formazioni come il “Delta Saxophone Quartet” e la “Steve Martland Band” sono tra le più famose del Regno Unito.

A conferma del carattere divulgativo dell’iniziativa, l’ingresso è libero.

Poco dopo il Centro Magma si sposterà all’Auditorium “Emilio Greco” di Gravina per una lezione-concerto del pianista ucraino Oleh Kyryliuk (venerdì 17, ore 10) e per il concerto dell’”Italian Piano in Duet” (Alberto Giambello e Tania Cardillo; sabato 18, ore 18,30).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *