“Il piccolo club di lettura” alla libreria del Monastero dei Benedettini

“Il piccolo club di lettura” alla libreria del Monastero dei Benedettini, mercoledì 23 gennaio 2019 alla ore 17:00

club_lettura_ragazzi_bambini_monastero-03

E se le città si potessero costruire a partire dalle pagine di un libro? Se progettare un futuro per i bambini significasse coinvolgerli direttamente nella scoperta delle mille storie che le forme urbane assumo, allora sarebbe necessaria ascoltarli e lasciarsi incantare dalla loro fantasia. Da gennaio fino a maggio cinque incontri tutti dedicati ai bambini e ai libri: cinque preziosi appuntamenti in libreria, al Monastero dei Benedettini, con Officine Culturali per il nuovo scintillante, esuberante e certamente molto chiassoso “Piccolo Club di Lettura” destinato ai lettori – o se si vuole solo ascoltatori – dai 6 agli 11 anni (ma volendo è anche aperto anche ai genitori).

Quest’anno il tema sarà “Costruiamo città” e tutti i libri avranno come tema centrale le città con i loro abitanti e le mille e innumerevoli avventure da raccontare. Al termine di ogni incontro sarà chiesto ai giovani lettori di reinterpretare l’avventura, nella speranza di raccogliere quante più indicazioni possibili da parte dei nostri esploratori di mondi per realizzare un unico racconto sulla città immaginaria del “Piccolo club di lettura”.

Il tema non è casuale, d’altronde quest’anno l’associazione Officine Culturali celebra il centenario della nascita di Giancarlo De Carlo, architetto che ha restaurato il Monastero dei Benedettini e che si è distinto nella sua carriera soprattutto per le sue qualità da urbanista attento alle relazioni tra i luoghi e le persone.

Il primo appuntamento è fissato per mercoledì 23 gennaio 2019 alle ore 17:00 presso il bookshop del Monastero, il primo libro sarà le avventure di “Peppe senzaSuola a Ballarò” edito da Il Glifo, una splendida casa editrice palermitana. Peppe va girando per un quartiere di Palermo alla scoperta delle vite di chi lo anima ogni giorno: calzolai, giardinieri, faccendieri. É immerso nei profumi e nei colori di una città immersa nella cultura del mediterraneo tra sapori indescrivibili e gesti di grande solidarietà.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *