Romanzo popolare, quando la propria vita è condizionata dal piccolo schermo

La terza stagione di Teatro Mobile di Catania continua con la pièce “Romanzo popolare”,  diretta dal regista Luca Cicolella, spettacolo d’apertura della seconda rassegna ideata e diretta da Francesca Ferro

32

Sul palco del Centro Zo da venerdì 11 a domenica 13 gennaio, gli attori Francesca Ferro, Ilenia Maccarrone e Mario Opinato hanno dato vita ad una messa in scena di “Romanzo popolare”, in cui è facile riconoscere se stessi avvolti sempre più spesso da un sistema sociale scomodo e limitante.

Mela e Rosalia sono due donne che vivono insieme da tempo una vita piatta, apparentemente sfortunata, soprattutto in amore. Svuotano le loro giornate colme di solitudine nella cura delle piante, facendo trattamenti anti-età, acquistando prodotti pubblicizzati in tv, consultando l’astrologo, ma soprattutto, aspettando con ansia, tutti i giorni, la nuova puntata della loro soap-opera preferita. Il loro amore, unico, solo, e irraggiungibile è lui: Mario, il divo, attore protagonista della telenovela, vittima sacrificale delle due assatanate ammiratrici.

3

Un atto unico dal ritmo frenetico e coinvolgente, in cui si racconta in chiave ironica, esasperandone manie e vezzi, la solitudine dei tempi moderni fatta di televisione, marketing globalizzante, social e stili di vita perfetti e per questo irraggiungibili con estrema veridicità suscitando tra il pubblico scroscianti applausi e un grasse risate.

6

Divertenti gag, battute geniali e puro divertimento non nascondendo l’incolmabile vuoto dei tempi moderni dove tutti siamo succubi e immersi, infatti “Mario il meccanico”, il conquistatore della fiction, è solo una semplice illusione per riuscire a superare la malinconica quotidianità fatta di cartomanti, piante da accudire e fidanzati orribili che non rispecchiano il tanto atteso principe azzurro. Così si ci perde davanti al piccolo schermo, sognando un presente e un futuro frivolo di effigie date dalla nostra anima in pena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *