Serie C, Catania suicida sul campo di Bisceglie

Una disattenzione del portiere Pisseri regala i tre punti ad un Bisceglie ultra difensivo fra le propria mura amiche

EF8DD886-2EFC-41F8-B93C-82E1C6D1A708

Il Catania di Andrea Sottil cade in maniera clamorosa sul campo di Bisceglie contro una squadra “orfana” di allenatore, di un pubblico che si conta sulla punta delle dite e che rischia seriamente la retrocessione tra i dilettanti. Rosso-azzurri che approcciano la partita bene nelle prime fasi gioco, giostrando e mantenendo il pallino del match per il corso dei primi quindici/venti minuti, senza però riuscire ad essere pericolosi oltre la linea degli ultimi sedici metri. Il Bisceglie ha un solo compito, quello di difendere e cercare di sfruttare la superiorità numerica sui contropiedi e attraverso le disattenzioni etnee. Infatti, i nerazzurri riescono a portarsi in vantaggio al ventiseiesimo minuto della prima frazione di gioco con l’attaccante Starita, il quale sfrutta un errore che ha dell’incredibile da parte dell’estremo difensore Pisseri mettendo la gara in salita per gli uomini di Sottil. Si va all’intervallo senza alcuna azione degna di nota nei restanti venti minuti.

Nella ripresa primo cambio fra le fila etnee con Brodic, migliore in campo nell’ultima sfida di Coppa Italia contro il Sassuolo, che subentra a Vassallo. Il cambio però non porta novità nell’assetto tattico-tecnico ed un Catania arrembante inciampa sempre all’altezza dell’area di rigore dei padroni di casa. Sottil passa ad una sorta di 4-2-4 inserendo anche Curiale al fianco di Marotta e sostituendo Manneh per uno spento Barisic. Esce anche Lodi che lascia il posto ad Angiulli. I cambi non portano ai risultati sperati e, anche se le percussioni offensive non si fanno attendere, risultano essere molto blande e senza una sorta di vera identità da un punto di vista di concretezza. Catania che abbandona il campo di Bisceglie con una brutta e pesante sconfitta che dovrà far, di certo, ragionare tutto l’intero ambiente rosso-azzurro per cercare di non far sfuggire la situazione di mano e per non buttare tutto ciò che di buono è stato fatto fino a questo momento. L’unico aspetto certo è la mancanza di una vera e propria identità di gioco a partire dalla sconfitta esterna di Potenza per 3-1.

Etnei che torneranno in campo mercoledì, in casa, contro la Virtus Francavilla nel turno infrasettimanale di questo girone C di Serie C.

Foto: calciocatania.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *