B.F. Amatori Catania: vittoria in casa del Prato per 24-29

Grande battaglia a Prato, ma la Bingo Family Amatori Catania stacca il pass vittoria portando a casa anche il Bonus. Super Madero e pacchetto di mischia perfetto che annulla gli avversari

NELLA FOTO MADERO

Una vittoria che fa bene, una vittoria importante. La Bingo Family Amatori Catania rialza subito la testa dopo le due sconfitte consecutive e sbanca Prato tornando a casa con successo e bonus che rilancia gli etnei in classifica.

Gara perfetta e non facile da giocare dopo la drammatica notizia che aveva colpito il gruppo Amatori con la scomparsa del padre di Leonardo Smiroldo. Una vittoria dedicata anche a lui, con un secondo tempo duro, difficile e complicato ma che i biancorossi sono riusciti a portare a casa grazie all’esperienza e la sagacia di Benjiamin Madero, decisivo.

Primo tempo che si apriva con la punizione del Prato, al quale seguiva l’immediata reazione degli uomini di Vittorio e Costantino: capitan Borina volava in meta, ma Madero non centrava i pali. I fuochi d’artificio continuavano ad esplodere grazie all’effervescenza di Arrigo meta preziosa e stavolta calcio perfetto di Madero per il 3-12. Amatori che spingeva e soprattutto dettava legge col pacchetto di mischia: Asaf centrava la terza meta e l’argentino Madero portava il punteggio sul 3-19. A fine primo tempo e ad inizio ripresa un calo fisiologico della formazione biancorossa riportava ossigeno con due mete e altrettante trasformazioni a Prato che riapriva fantasmi sul 17-19.

nella foto fabio borina

Finale al cardiopalma? Assolutamente no, perché stavolta i ragazzi etnei sfruttavano ancora una volta una prestazione sontuosa del pacchetto di mischia che abbatteva gli avversari grazie alle prestazioni di Russo e Giustolisi e l’esordio in A di Santocono. Unione e forza e soprattutto Madero che prima calciava al centro dei pali e poi andava in meta e trasformava. Sul 17-29 finale d’orgoglio del Prato che andava in meta e trasformava, ma non c’era più tempo. Vittoria di forza, di grande spessore, contro una squadra forte e dura a morire. Oggi però la spinta in più era il cuore, la voglia e il pensiero al dolore del nostro Leonardo e la bramosa spinta di regalare una gioia importante in un giorno di assoluto dolore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *