Mostra Max Ferrigno a Palazzo Asmundo di Gisira di Catania

Giovedì 26 ottobre alle ore 18.30 inaugurerà presso il palazzo storico di Catania “Asmundo di Gisira” “School girl – work in progress” Art show di Max Ferrigno a cura di Laura Francesca Di Trapani. L’evento è in concomitanza con la Via dei Tesori 2018

Cattura

L’universo fantastico nella ricerca di Ferrigno (classe 1977) evoca la condizione culturale e sociale di una certa società giapponese, che ha nel tempo superato incoscientemente il trauma bellico, facendo emergere un aspetto infantile, consumistico a tratti oscuro.

Una sorta di spiritualità fumettistica prende vita nei dettagli delle immagini, dove la prospettiva rispetto ai lavori precedenti (in questa nuova fase) persegue nuove strade, prediligendo un nuovo punto d’osservazione.

Fortemente influenzato dalla cultura otaku, esplora i topici del genere manga e anime, per comunicare e raccontare un aspetto di un universo caratterizzato da immagini vissute come simulacri, in una cultura che si manifesta come eredità di un trauma che ha prodotto generazioni di eredi di Hiroshima e Nagasaki.

“School girl – work in progress” è l’evoluzione di una ricerca partita un decennio addietro dai cartoni animati anni ’70/’80 e giunta oggi all’analisi della nuova generazione di anime 2000 e all’osservazione dei nuovi mangaka.

Oggi la sua attenzione è rivolta ai seinen, opere dedicate a un pubblico maschile dai 18 ai 40 anni, incentrandosi nello specifico sul genere school.

Prison school, con la sua trama e i personaggi che si muovono all’interno di questo istituto femminile d’elite di Tokyo, dove vigono regole severe di comportamento, che contempla il divieto di frequentare maschi fino al giorno in cui si aprono le porte della scuola anche per loro, diviene fonte d’ispirazione per quest’ultima produzione che sceglie di mostrarsi in questa sede in progress, alternando due momenti salienti: quello creativo e l’osservazione dell’opera terminata.

Hana Midorikawa è la figura su cui Ferrigno si sofferma. Icona pop dall’erotismo sublimato e dall’istinto di dominatrice, si muove in un linguaggio pittorico in cui l’autore ci trasmette l’intento di approfondire il concetto di appartenenza a un gruppo nella società giapponese.

Ferrigno segue perfettamente la cultura otaku e lo fa con un’iconografia che corrisponde alle precise caratteristiche del genere. Il punto centrale non appare la delineazione psicologica, bensì la riconoscibilità iconica del personaggio, la fascinazione all’insegna di un’estetica fluttuante.

L’aspetto metafisico, proprio della nostra cultura occidentale, nonostante l’apparato da cui la pittura di Ferrigno prende corpo, non riesce a essere rimosso. Emerge, riportando quello sguardo contemplativo, quasi estatico dell’osservare un personaggio nelle sue parti anatomiche o nei suoi accessori, come in un fermo immagine su un “luogo” così intellettualmente disgiunto.

La narrazione breve è rispettata nel dettaglio che diventa soggetto, nel nuovo studio della fisionomia, tutto all’insegna di un’estetica superflat dalle immagini levigate e coloratissime.

Fenomenologia di una cultura per conoscere e comprendere le ragioni di un successo crescente, dove emergono le caratteristiche di una società

postmoderna, traballante per mancanza di punti di riferimento, di perdita di confine tra l’originale e la copia, in una dinamica di creazione di network.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *