FIFA WORLD CUP RUSSIA 2018: LE “ARMI” CROATE PER STENDERE I FRANCESI

Rimane solo la Francia sul cammino della Croazia per consentire alla squadra di Dalic di laurearsi campione del mondo per la prima volta nella propria storia

jv

Una cosa è certa. O i transalpini andranno ad affiancare Uruguay e Argentina a quota due nell’albo d’oro dei Mondiali Fifa, o la Croazia si scriverà come nona Nazionale ad aver vinto il più ambito trofeo calcistico.

Una prova di forza da vera Top, quella dei biancorossi, ieri sera contro quella compagine che il calcio l’ha inventato nel lontano ottocento.

Una prova di maturità che permette alla squadra di Dalic di compiere un ulteriore salto di qualità a livello internazionale e che dà al club est-europeo la possibilità di essere fra le due più grandi del mondo.

Del resto  il blasone croato parla già da se e, il miscuglio ben articolato dei campioni provenienti dai più grandi club europei, permette al Commissario Tecnico di poter gestire al meglio la pressione pre-partita e le tattiche da adoperare contro qualsiasi avversario.

55

Sicuramente, l’asse Inter-Juventus (sembra strano, ma è proprio così) fra Mandzukic e Perisic, è quel fattore che ha fatto la vera differenza in questo gruppo, consentendo alla Croazia di arrivare, anche se con qualche difficoltà fra cui le tre gare consecutive della fase ad eliminazione diretta terminate oltre i novanta minuti di gioco, a dare un volto concreto al reparto offensivo della rosa a suon di gol e assist.

66

Non dimentichiamoci, però, dell’altro duo vincente di questa squadra. Anche questo un tantino utopico se prendiamo in considerazione i club dal quale provengono i nostri due protagonisti. Ovviamente stiamo parlando di Rakitic e Modric (Barcellona e Real Madrid); veri e propri motori trascinatori della Croazia, in grado di recuperare palloni e consentire ai compagni di sfruttare al meglio le ripartenze. Il primo, può anche diventare decisivo sui calci da fermo, rendendosi artefice di vere e proprie magie dalle punizioni al limite dell’area di rigore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *