Alla Sala Chaplin di Catania un esilarante “Quando il marito va a caccia” di Georges Feydeau

Un racconto teatrale ardente a tratti ironico dalle conseguenze spassose e particolari, una storia quasi machiavellica rappresentata con destrezza e professionalità da un cast tutto siciliano diretto dal regista e coprotagonista Enzo Sasso.

34672383_10214737728588277_7099467428597334016_n

Un racconto teatrale ardente a tratti ironico dalle conseguenze spassose e particolari, una storia quasi machiavellica rappresentata con destrezza e professionalità da un cast tutto siciliano diretto dal regista e coprotagonista Enzo Sasso. “Quando il marito va a caccia” è una commedia classica dai risultati beffardi e buonisti in chiave tragicomica, la trasposizione teatrale di Georges Feydeau, uno dei più grandi autori della commedia francese, colui che nel teatro conferiva umanità nelle sue fantasie più folli. Un lavoro artistico in cui le storie s’intrecciano fra di loro attraverso un falso perbenismo risaltato dalla fragilità dei protagonisti. Gli incidenti amorosi dei personaggi principali, raccontati in modo grottesco da Duchotel, un marito infedele che s’incontra segretamente con l’amante in un’immaginaria battuta di caccia, e dalla moglie Leontine, che s’improvvisa innamorata di Moricet, un vecchio amico del marito in una storia implicata da un conformismo menzognero e spregiudicato, non lasciano spazio a sbadigli e noia, semmai solo risate dello spettatore scaturite da situazioni imbarazzanti.

34962504_10213805649353975_29454726802178048_n

Il risultato è un susseguirsi di colpi di scena movimentate dalle prodezze della contessa La Torre, dall’inflessibile commissario Bridois e dal suo collaboratore fannullone Gontran, tra colpi di scena, scambi di coppie e incontri oscuri. Il cast, fatto da attori eccellenti, vede la presenza di: Davide Gullotta, Iolanda Fichera, Lucia Mangion, Carmen Catalano, Dorotea Messina, Salvo Patanè, Valeria Visalli, Ignazio Bonaccorsi, Armando Ferale e Salvo Catalano. A fine spettacolo non poteva mancare l’applauso del pubblico presente in sala, lasciato trasportare da un titolo che non lasciava nulla al caso.

35076697_10213805647193921_7658173374509613056_n

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *