Rugby, Italia Emergenti: tre cambi per la Nations Cup 2018

E’ iniziato oggi a Roma, presso il Centro di Preparazione Olimpica del CONI, il raduno della Nazionale Emergenti che dal 2 al 10 giugno sarà impegnata nella World Rugby Nations Cup 2018 che per il secondo anno consecutivo si disputerà in Uruguay

FIR

E’ iniziato oggi a Roma, presso il Centro di Preparazione Olimpica del CONI, il raduno della Nazionale Emergenti che dal 2 al 10 giugno sarà impegnata nella World Rugby Nations Cup 2018 che per il secondo anno consecutivo si disputerà in Uruguay. Sede degli incontri l’Estadio Parque Artigas Club Atletico Juventud di Las Piedras.

Sono ventotto gli Azzurri convocati nella Capitale da Pasquale Presutti. Rispetto alla convocazione originale sono state apportate tre modifiche: Marco Capraro, neo campione d’Italia con il Petrarca Padova, sostituisce il compagno di squadra in maglia nera Andrea Bettin;Gianmarco Vian del Lafert San Donà subentra per Matteo Corazzi; completa la lista Pierre Bruno, ala del Patarò Calvisano, chiamato in sostituzione di Simone Rossi.

Gli Azzurri partiranno alla volta del Sud America lunedì prossimo, 28 maggio. Esordiranno nel Torneo il 2 giugno affrontando alle 12.30 locali (17.30 in Italia) l’Argentina XV. Quattro giorni dopo, mercoledì 6 giugno, affronteranno i padroni di casa, gli uruguaiani detentori del Trofeo 2017. Terza ed ultima partita domenica 10 giugno alle 12.30 (17.30 in Italia) contro la selezione delle Fiji Warriors.

La Nations Cup giunge quest’anno alla sua 13esima edizione. La prima si disputò nel 2006 a Lisbona in Portogallo. Dal 2007 ha modificato la propria sede di gare (Bucarest e Tiblisi), per approdare lo scorso anno in Uruguay.

Bill Beaumont, Chairman di World Rugby, ha dichiarato: “Siamo felicissimi che l’Uruguay ospiti l’edizione 2018 del Worl Rugby Nations Cup. L’Uruguay è una Nazione orgogliosa della propria tradizione rugbistica; si è qualificata alla Coppa del Mondo 2019 nella prima fase del processo di qualificazione ed il rugby ha sempre avuto ottimi riscontri di pubblico quando si è giocato a Montevideo”.

“Questa competizione ha assunto un ruolo centrale nel programma di sviluppo dell’alto livello per le federazione partecipanti. Con la Rugby World Cup dietro l’angolo, sono certo che vedremo un rugby di alto livello”.

Immagini collegate:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *