Le problematiche inerenti il Diabete trattate nel 10° Convegno “DiabEtna”

Nei locali di Villa Itria di Viagrande si sono svolti i lavori del 10° convegno “DiabEtna”, organizzato dal diabetologo Domenico Arcoria

alcuni relatori

Nei locali di Villa Itria di Viagrande si sono svolti i lavori del 10° convegno “DiabEtna”, organizzato dal diabetologo Domenico Arcoria. Durante il convegno sono state affrontate le problematiche inerenti il Diabete con riferimento anche ai collegamenti con la Medicina,la Terapia e l’alimentazione. Hanno partecipo all’evento sanitario diversi specialisti provenienti da diverse parti d’Italia. Il diabete colpisce oltre 300 milioni di persone nel mondo, circa il 6% della popolazione. Quello di tipo 2 rappresenta il 90 % dei casi di tale patologia. Si stima che la prevalenza del Diabete nei prossimi 25 anni aumenti più del doppio. Si prevede,inoltre, che entro il 2025, nel mondo, ne saranno affetti circa 380 milioni di persone, cioè il 7,3 % della popolazione mondiale.

Su tale patologia si sono confrontati i diversi specialisti che hanno partecipato al convegno i quali con i loro interventi hanno offerto notizie molto utili. I lavori del convegno sono stati aperti dal diabetologo, Domenico Arcoria il quale nel suo intervento ha detto:“Il controllo glicemico sub-ottimale, nella grande maggioranza dei pazienti affetti da diabete, suggeriscono l’urgente necessità di nuovi trattamenti per la malattia. Obiettivo primario è quello di diagnosticare e curare le condizioni morbose, che affliggono i pazienti, il prima possibile. Individuare precocemente le condizioni che espongono ad un elevato rischio della malattia, allo scopo di poter prevenire l’insorgenza o quanto meno di ridurre gli effetti degli eventi morbosi correlati a tale rischio.

La conoscenza della fisiopatologia, l’affinamento continuo della capacità di prevenzione, diagnosi e terapia, costituisce l’oggetto principale di qualunque programma finalizzato al miglioramento della pratica clinico – diagnostica quotidiana”.(foto:alcuni relatori).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *