Premiato il regista palermitano Felice Corticchia vanto della cultura siciliana nel mondo

Ad Erice, nei giorni scorsi, si è svolta un’ importante evento culturale di grande spettacolo, per il Premio speciale Arte e Spettacolo “Anfora di Calliope” a Felice Corticchia

img767

Ad Erice, nei giorni scorsi, si è svolta un’importante evento culturale di grande spettacolo. La serata, presentata da Giuseppe Vultaggio, organizzatore del premio, ha avuto come presidente la famosa scrittrice  siciliana Caterina Guttadauro La Brasca, presente anche il famoso maestro d’arte Michele Russo di Termini Imerese.

Considera la notte  come una inevitabile perdita di tempo e finchè la vita ci riserva energia si può “rinviare” di riposare a momenti più “lugubri”. Felice Corticchia si presenta così con  quel suo linguaggio ottimista e sincero, maestoso (alto un metro e novantacinque centimetri) sagace, palermitano di nascita e se ne vanta. Il maestro, scrittore, sceneggiatore, poeta, attore, regista,  vive a Roma  ormai da tempo.

Nasce a Palermo il 7 novembre 1966. Si forma alla Scuola Europea di cinema e presso il laboratorio di teatro comico.Ha  al suo attivo parecchi libri:

“Orrore giudiziario”; “Mussolini, storia e documenti del primo mistero italiano”; “Un morso alla grande mela”, tradotto in lingua inglese giunto finalista al Premio Grinzane Cavour, “La cucina siciliana a modo mio”, “E-bok”.

Tante le sue esperienze nell’ambito cinematografico: ha collaborato alla fiction Rai1 “Le 5 giornate di Milano”, diretto da Carlo Lizzani con Giancarlo Giannini.

È autore  di soggetti e sceneggiature alcune delle quali in produzione. Non meno fitto l’elenco dei recital:

Recital drammatico “Il Silenzio nella Conca d’oro”

Recital comico “Il Ritorno, omaggio a Franco e Ciccio”

Commedia in due atti “La Signora Nini”, autore del solo adattamento e regia

Ha al suo attivo parecchi riconoscimenti della critica:

Finalista premio Grinzane Cavour

Vincitore Premio arte e spettacolo Anfora di Calliope

Finalista premio Ischia Di la 8 milioni

img768

Ad Erice (TP) ha avuto la soddisfazione di ricevere  dalle mani della  famosa scrittrice sua amica Valentina Guttadauro La Brasca, il premio “Anfora  di Calliope” con la seguente motivazione: sa essere un comunicatore di emozioni per ogni tempo e per ogni eta’, con la consapevolezza che il cinema, il teatro, suo primario raggio d’azione, hanno una veste incisiva nl campo dell’arte e della cultura. Per la sua attività di regista, scenggiatore, attore, che affronta in queste vesti temi di  grande importanza civile, rivestendo , con il suo misurato senso dell’ironia, accadimnti tragici, testimonianza del malessere sociale, civile e politico. Sa dire, quindi, sorridendo, grandi verità che hanno segnato la storia  di un popolo,rendendole accessibile ad ogni fascia  di pubblico stimolando la loro coscienza perchè tutti come cittadini ne siano depositari.

Quando ho domandato al Maestro quale è il motto della sua vita egli sornionamente mi risponde che  si sente un “ignorante” in fase di formazione o un “pidocchio” in transito su  questa terra.

Quali sono i suoi progetti culturali futuri?

“I primi di Maggio a partire da Roma, metterò in scena il recital dal titolo “Il ritorno”; omaggio ai grandi attori palermitani Franco Franchi e Ciccio Ingrassia. Due  attori spesso “calpestati” dalla città di Palermo perchè avrebbero potuto meritare molto di più da un punto di vista artistico.

Gli attori che interpreteranno la parte di  Franco Franchi e di Ciccio Ingrassia sono Tony Biffi, Marco Flammini, entrambi sosia ufficiali dei grandi attori. In modo particolare Tony Biffi e’ stato e’ stato riconosciuto dallo stesso Ciccio Ingrassia, come sosia  ufficiale  di Franco Franchi e con la partecipazione straordinaria della attrice  russa Natalia Simonovaun metro e ottantatre di statuaria  bellezza!

30743476_391278908005898_5424120550375030784_n

In Autunno, a partire da Roma, e poi nel resto della  Italica penisola, metterò in scena la commedia dal titolo “La signora Nunu’; ovvero succede a chi ci crede”;  tratto da un opera letteraria della palermitana pluripremiata  scrittrice Caterina Guttadauro La Brasca, sarò autore dell’adattamento e regista. A fine Luglio girero’ tra Palermo e  Termini Imerese un docufilm sulla vita di un grande pittore artista siciliano…. ma non voglio rivelare troppo…seguitemi ne vedrete delle belle!!!”

Il premio speciale  che il regista  ha ricevuto ad Erice ad Aprile è stato anche conferito al francese Patrice Gaspery e al jazzista siciliano di fama internazionale, Sal Pizzurro, che ha allietato il pubblico presente  con  quattro classici brani di musica jazz swing.

Felice Corticchia  e Caterina Guttadauro saranno gli unici italiani, scelti tra   duemila concorrenti, che riceveranno il premio,  Ischia otto milioni DILA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *