Catania: il blocco dei camion aggrava il problema dei rifiuti

Lavoratori protestano per il rinnovo mentre l’immondizia si accumula lungo le strade cittadine

camioncino-Ecocar-guidonia

Si sa il problema rifiuti è ormai la nota dolente di una città come Catania, costretta a convivere con la raccolta “non molto differenziata” e il vandalismo delle persone, le quali rendono la città sporca e spesso invivibile. In questi giorni poi, i rifiuti si stanno accumulando nelle vie cittadine a cause del blocco dei camion che provvedono alla raccolta, causato dalla protesta dei lavoratori del cosiddetto “bacino prefettizio” che rivendicavano la riassunzione a tempo determinato. Visto l’esubero protrattosi in questi anni il commissario della Senesi, appena insediatosi, non ha ritenuto necessario procedere all’assunzione di una forza lavoro così consistente e ne ha richiamati solo 21 sui 105 in organico, da qui la protesta negli ultimi giorni.

In una nota del dell’amministrazione del Comune si legge: “L’amministrazione comunale, in stretto contratto con le organizzazioni sindacali, si è attivata per risolvere la vertenza e riportare alla normalità la raccolta dei rifiuti che, nel frattempo, si vanno accumulando nelle vie cittadine, stiamo facendo tutto ciò che è istituzionalmente possibile per risolvere la vicenda –ha ribadito il sindaco Enzo Bianco-. La protesta sta creando non pochi disagi all’intera cittadinanza con i rifiuti che cominciano ad accumularsi lungo i punti di raccolta e stiamo pagando tutti la protesta di un gruppo di lavoratori che rivendicano solo i loro diritti. Lanciamo un appello al buon senso ed alla sensibilità di tutti affinché si possa presto trovare una soluzione positiva”.

rifiuti_catania

Non comprendiamo le motivazioni della decisione del commissario della Senesi dichiara l’assessore a Ambiente ed Ecologia Rosario D’Agata visto che i due commissari di Ecocar avevano, invece, dato parere positivo al rinnovo di tutti i lavoratori del Bacino prefettizio.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *