Torre del Grifo: parla Lucarelli prima della sfida alla Leonzio

Giornata in sala stampa per il tecnico etneo, prima della sfida di domenica contro la Sicula Leonzio, club che all’andata si impose sui rossazzurri per 1-2

1

Parla mister  Cristiano Lucarelli prima della sfida di domenica pomeriggio contro il club bianconero di Lentini. Queste le parole del tecnico rossazzurro di pochi minuti fa, presso la sala stampa di Torre del Grifo Village.

Sulla sfida contro la Leonzio: “La Sicula Leonzio è una delle squadre più ostiche del campionato ed è quella che nel corso dell’anno, nelle due partite che abbiamo disputato con loro, sono stati in grado di mettere in risalto le difficoltà con il Catania. Secondo me la sfida di domenica sarà la più difficile di quelle che ci rimangono in questo campionato. Affrontiamo una formazione capace di mettere  molte squadre in difficoltà. Se dovessimo riuscire a vincere avremmo passato lo scoglio più complicato delle gare che ci restano. Penso che la nostra è una squadra che se riesce a non subire gol in partita, è in grado di creare anche quell’occasione sporadica per portare i tre punti. Nel girone d’andata abbiamo affrontato la Leonzio con un atteggiamento diverso rispetto a quello che metteremo in campo domenica e speriamo che dopodomani arrivi una grande prestazione che possa riscattare il parziale della scorsa sfida. Deve essere una partita perfetta a trecentosessanta gradi in ambito: tattico, tecnico e fisico. L’errore più grande da fare è quello di sottovalutare l’avversario, cosa che in passato abbiamo commesso e l’abbiamo pagata. Adesso siamo consapevoli che anche il club che sulla carta sembra sfavorito, spesso, ci ha tirato brutti scherzi. Ricordiamoci che la Sicula Leonzio si trova in una posizione di classifica che sfiora i play-off e, per una compagine che ha disputato tutte le partite casalinghe lontano dalle propria mura amiche e, da neo-promossa, è davvero un ottimo risultato. Sappiamo pure che tutti gli avversari del Catania sono consapevoli di giocare contro una squadra che ha una certa storia alle proprie spalle e quindi vogliono sempre far bene. Siamo anche avvantaggiati dalla squalifica di Marano, calciatore che spesso negli ultimi anni è andato in doppia cifra in classifica cannonieri e, crea sempre pressione sulle difese avversarie. Il terreno di gioco non è dei migliori e ne siamo consapevoli, sarà una sfida più di spada che di fioretto. Nella scorsa sfida, contro il Siracusa, abbiamo giocato con il 4-3-3 e il nostro modulo è riuscito. La Sicula Leonzio utilizza il nostro stesso modulo e quindi non dovremmo rischiare di avere Francesco Lodi marcato a uomo così com’è accaduto nelle ultime sfide, in maniera da poter verticalizzare negli ultimi ventri metri come solo lui sa fare.”.

1

Sugli infortunati: “Russotto non giocherà, ma probabilmente lo porterò in panchina per non rischiare che il ragazzo abbia nuovamente una ricaduta com’è già successo nelle scorse settimane. Siamo nella volata finale e ho bisogno di preservare Andrea per il termine della stagione. Di Grazia, invece, non so ancora in che condizioni si trova dopo l’infortunio in allenamento a causa di uno scontro fortuito con Bogdan; saprò di più appena tornerò negli spogliatoio al termine della conferenza”.

Prossimo week-end che vedrà gli etnei impegnati nel match interno contro la Reggina. Gara che nel girone d’andata non portò tanta fortuna al Catania, dove uscì sconfitto dal Granillo per 2-1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *