Operazioni antidroga dei carabinieri nel catanese

Arresti per spaccio di droga nel territorio catanese da parte dei carabinieri. Condannato a quattro anni di carcere un 29 mascalese per rapina a mano armata ad una tabaccheria. 

 

Andrea FICHERAE’ stato condannato a quattro anni per aver assaltato a mano armata una tabaccheria a Riposto. Il malvivente  è stato condannato a quattro anni di carcere. Nei giorni scorsi i Carabinieri della Stazione di Mascali hanno eseguito un ordine per la carcerazione  nei confronti del 29enne mascalese Andrea Fichera. La sera del 7 aprile del 2016 due individui armati di pistola e coltello, col volto coperto da passamontagna, fecero irruzione all’interno di una rivendita di tabacchi nel centro di Riposto e sotto la minaccia delle armi rapinarono il titolare per una somma contante di 1.000 euro. Impossessatisi del bottino i due malviventi fuggirono a bordo di un’auto dileguandosi.

BALLATO Rinaldo, Paternò 21-03-1998I carabinieri iniziarono a dare la caccia ai rapinatori stanandone e catturandone uno nascosto sotto una macchina nel centro di Mascali. L’arrestato sconterà la pena in regime di detenzione domiciliare. A Giarre i carabinieri hanno denunciato quattro persone tra le quali una minorenne. Si tratta di un pregiudicato di Calatabiano di 64 anni, poiché ritenuto responsabile della violazione degli obblighi imposti dalla sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno. La pattuglia dell’Arma lo ha sorpreso nel centro cittadino in compagnia di altri pregiudicati. Denunciato un 53enne, venditore ambulante di origini marocchine ma residente a Giarre, poiché ritenuto responsabile di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. I militari hanno rinvenuto e sequestrato all’interno del suo furgoncino una ventina di grammi di marijuana, in parte già suddivisa in dosi pronte allo smercio. Inoltre denunciati  fratello e sorella di Riposto, rispettivamente di 18 e 17 anni poiché ritenuti responsabili di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti.

droga cc

I militari, perquisendogli l’abitazione, hanno rinvenuto e sequestrato al suo interno una decina di grammi di marijuana, un bilancino elettronico di precisione e vario materiale comunemente utilizzato per confezionare le dosi di droga da porre in commercio. A Paternò i carabinieri hanno tratto in arresto per spaccio un pusher 19 enne, Rinaldo Ballato già sottoposto all’obbligo di dimora nel comune di residenza, poiché ritenuto responsabile di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti. Tra le perquisizioni personale e domiciliare eseguite i militari hanno rinvenuto e sequestrato complessivamente: 10 grammi di marijuana, suddivisa in 9 dosi pronte allo smercio, nonché una busta di plastica, nascosta in un comodino posto all’interno di uno sgabuzzino dell’appartamento, contenente circa 40 grammi di marijuana sfusa e un bilancino elettronico di precisione. Il giovane spacciatore è stato relegato agli arresti domiciliari.  E a Caltagirone i carabinieri hanno arrestato due spacciatori per spaccio di cocaina un 22enne ed un 38enne,  poiché ritenuti responsabili di concorso in detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti nonché, solo per il 38enne, detenzione illegale di munizionamento  per armi comuni da sparo. Fermati ieri sera durante un posto di controllo dai militari, all’interno degli “slip” indossati dal 22enne, hanno rinvenuto un panetto di cocaina di circa 100 grammi, ancora da tagliare e dosare, mentre in tasca dell’altro passeggero sono stati rinvenuti alcuni grammi di hashish. Estese le perquisizioni nelle abitazioni dei fermati i militari, in casa del 38enne, hanno altresì rinvenuto diverse munizioni di vario calibro per armi comuni da sparo. La droga e le munizioni sono state sequestrate mentre gli arrestati, sono stati associati al carcere di Caltagirone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di verifica *